Home | Satira | Salvagente | Il salvagente al Sindacato Autonomo della Polizia Penitenziaria

Il salvagente al Sindacato Autonomo della Polizia Penitenziaria

«Quanto saranno i sindacati a costruire le carceri, potranno farle come vorranno. Per il momento così non è.»

image

Il sottotitolo riporta testualmente l'intervento fatto oggi dal Presidente in occasione della conferenza stampa del venerdì, rispondendo a un collega che gli chiedeva di commentare le battute di un sindacalista del Sinappe (Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria).
«Sono indignato che in questo Paese qualcuno trovi da ridire su un carcere fatto come si deve, - ha aggiunto - cioè con i crismi europei, rispettando il principio per cui i detenuti sono persone da recuperare e non da mantenere nel degrado e nell'indigenza.»

Dellai era proprio seccato che l'esponente del Sinappe, giunto a Trento per prendere visione del nuovo carcere e delle problematiche legate al suo funzionamento, abbia trovato qualcosa da ridire sugli «sprechi» di alcuni particolari infinitesimali e non abbia trovato una sola parola per la qualità della vita che la nuova struttura garantirà sia ai detenuti che al personale carcerario.

«In un momento in cui il decoro nelle carceri italiane è ben al di sotto della soglia minima di vivibilità stabilita dalla legge (e invocata dalla civiltà) - continua Dellai - c'è qualcuno che si lamenta della esagerata qualità del nostro carcere.»
«A parte che la Provincia ha avuto ben poco da dire sia in sede di progetto e di realizzazione, che sull'arredo interno, - ha proseguito - è fuori dubbio che un carcere nuovo non possa e non debba nascere già al di sotto degli standard imposti dalla legge (e sistematicamente violati in tutto il Paese).»

Il sindacato si è lamentato anche di altri aspetti, tra i quali la previsione che il carcere femminile di Rovereto non sia destinato ad essere trasferito (almeno per il momento, ma non è neppure all'ordine del giorno) nella nuova struttura penitenziaria di Gardolo.
«Il carcere di Spini è stato fatto nella logica di comprendere entrambe le strutture esistenti in Trentino. - Ha continuato Dellai. - Il puro e semplice ragionamento sulle economie di scala dovrebbe portare a questa logica. Ma se il Dipartimento Carcerario non vuole trasferire il carcere di Rovereto a Spini, non sappiamo cosa farci.»

«Il nostro disappunto - ha concluso il Presidente - sta nel fatto che finché le vecchie carceri sono occupate, non possiamo abbatterle per costruire nuovi centri giudiziari in grado di raggruppare in un'unica sede tutti gli uffici.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni