Home | Satira | Salvagente | Salvagente all’interesse suscitato dall’assassinio di Sarah Scazzi

Salvagente all’interesse suscitato dall’assassinio di Sarah Scazzi

Boom di ascolti per le notizie legate al delitto di Avetrana Quarto grado è stato seguito da 4.665.000 telespettatori

image

Come aveva detto il Procuratore della Repubblica di Trento, Stefano Dragone, la gente ha bisogno di spettacolarizzare il trionfo della giustizia.
E questo non solo oggi, dato che in passato le esecuzioni capitali in pubblica piazza richiamavano gente da tutte le città vicine e oltre.

Resta il fatto che c'è da restarne davvero colpiti, perché anche oggi richiama milioni di spettatori. Niente più pubblica piazza, la televisione è più comoda.
Il programma Quarto grado ha quasi vinto la gara degli ascolti TV della serata, venendo battuto per un soffio da «I Migliori Anni», che ha ottenuto 4.728.000 telespettatori con il 20,69% di share, contro i suoi impressionanti 4.665.000.

Il conduttore Salvo Sottile ha dato in diretta la notizia del fermo della cugina Sabrina, indagata per concorso in omicidio e sequestro di persona, al fratello di Sarah Scazzi, Claudio, in collegamento dalla sua casa di Avetrana.
Ovviamente la gente non sapeva che sarebbe avvenuto un colpo di scena, quindi era incollata davanti al televisore solo per sentir parlare ancora una volta della povera vittima e dell'orco zio.

La scorsa settimana a Chi l'Ha Visto? era stata Federica Sciarelli a dar la notizia della confessione dell'omicidio da parte di Michele Misseri in diretta alla madre di Sara, scatenando polemiche. Anche in quel caso nessuno poteva immaginare il colpo di scena.

Che dire di fronte a questo enorme interesse dimostrato dalla gente verso i più torbidi fatti di sangue?
Forse avrebbe ragione Dragone a dire che la gente è attirata dalla spettacolarizzazione della Giustizia, se non fosse che stavolta non è andato in diretta un processo, ma l'evolversi dei fatti.
Quindi si tratta di spettacolarizzazione della cronaca.
Chissà che cosa muove la gente a seguire con tanto interesse (sano o morboso che sia) i fatti più brutti che la vita ci riserva.

Aeva dunque ragione Murphy a dire che «la natura ci ha fatti in grado di sopportare le disgrazie… degli altri».
È un po' come essere rientrati in casa poco prima dello scoppio di un temporale. «Siamo salvi», si pensa, godendoci il calduccio mentre fuori si scatena l'inferno.

Insomma, siamo all'ancestrale legge del branco, che funziona così. Diecimila pesciolini, quando vengono attaccati dagli squali, stanno vicini vicini. Lo squalo ne mangia di più, ma la maggior parte dei pesciolini se la cava.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni