Home | Satira | Salvagente | Il salvagente a chi non si accorge che il Veneto sta annegando

Il salvagente a chi non si accorge che il Veneto sta annegando

Si grida allo scandalo per la scomparsa del tempio di Pompei, ma non si dice nulla di una tragedia vera e propria

image

Mai come stavolta il nostro «salvagente» è qualcosa di più di un simbolo.
Siamo di fronte a una catastrofe naturale che è paragonabile a quella che abbiamo conosciuto il 4 novembre del 1966 e di cui invece il mondo non sa quasi nulla.
Il Veneto occidentale è sott'acqua e la gente che vi abita si sente abbandonata dal Paese, quando di solito dimostra in questi momenti una straordinaria sensibilità.
La Protezione Civile (anche quella trentina - vedi articolo) si è mossa automaticamente, perché è fatta in modo di funzionare anche se i politici sono distratti, ma quello che manca è il coinvolgimento dell'opinione pubblica.
Nessuno sa niente, o meglio non si rende conto che si tratta di una tragedia di proporzioni bibliche, accaduta in una delle zone economicamente più importanti del paese, con piccole e medie aziende sparse in tutta la campagna. Centinaia di migliaia i capi di bestiame annegati, migliaia le persone che hanno bisogno di aiuto immediato, di sostegno concreto, ma soprattutto di sentire di avere la nazione alle spalle.

Dov'è Berlusconi, adesso che ha fatto il suo proclama?
E Fini che gli ha risposto, dove sta?
E gli altri leader di partito? Hanno finito di litigare come se i problemi reali fossero i loro?
Dov'è Casini che si rifiuta come una prima donna? O Bersani, che ricorda come sarebbe stato Peppone se avesse perso la campagna elettorale?
Dov'è Pannella con il suo sciopero della fame contro mondi lontani?
Ma soprattutto, dov'è il tradizionale buonsenso del presidente Napolitano? È davvero una tragedia la scomparsa del tempio di Pompei, ma come si fa a dimenticare un allevatore di polli che deve smaltirne 5.000 morti annegati?

Forse qualcuno si ricorderà la tragedia che ha sconvolto il Trentino nel 1966.
Tutto il mondo di allora aveva parlato di Firenze e dell'Arno che l'aveva inondata.
Mentre nessuno ha mai saputo che la nostra gente è stata a due passi dall'ennesima emigrazione di massa. Montagne franate, vallate sconvolte, centri abitati scomparsi, fabbriche trapassate da macigni colossali, ponti spazzati via. E la gente sola.
Altro che magazzini degli Uffizi…!

Ma era il lontano 1966, un'altra epoca. Prima ancora del 68.
Oggi siamo nel 2010, ma ancora una volta fa più rumore un quadro che cade di una dispensa vuota.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni