Home | Satira | Salvagente | Il salvagente alle polemiche sulle nomine scelte da chi governa

Il salvagente alle polemiche sulle nomine scelte da chi governa

Discriminare chi appartiene a un partito ottiene solo di far allontanare i cervelli migliori dalla politica

image

Il tempo reale è quello che intercorre tra una nomina e le polemiche che scatena.
Noi abbiamo scritto più volte la nostra posizione sulle decisioni legate alle nomine e una volta perfino la Talpa se ne era occupata personalmente.
L'ultima polemica in ordine di tempo, che avevamo ampiamente previsto (vedi articolo), è quella legata alla nomina di Luisa Zappini alla direzione della «Centrale unica per l'emergenza e coordinamento tra la protezione civile e il sistema sanitario».

La dottoressa Zappini, almeno sulla carta, pare più che titolata per assumere un incarico come quello di riferimento. Ma dato che ricopriva anche la carica di presidente dell'UPT (Unione per il Trentino), il partito fondato da Dellai pochi mesi prima delle ultime elezioni provinciali, la scelta ha scatenato le immaginabili polemiche a tutti i livelli.

Noi avevamo espresso subito la nostra posizione, come si può leggere in detto articolo, e la ribadiamo dopo aver letto le polemiche montate sui giornali, la ripetiamo dopo che la signora si è dimessa dalla presidenza del partito e la confermiamo dopo che la Lega Nord ha emesso un comunicato stampa contro tale nomina.

Le nomine hanno una loro logica precisa, legata a due condizioni: alla dimostrata capacità della persona e alla fiducia che questa nutre presso le autorità preposte alle nomine.
Che alle opposizioni questo dia fastidio, è comprensibile, ma sono decisioni che spettano alla maggioranza scelta dagli elettori. Non ci si scappa.

Ultimamente anche i sindacati hanno lamentato il fatto che le nomine non dovrebbero premiare ancora coloro che hanno già avuto tanto dall'ente pubblico, come ad esempio i dirigenti pensionati. Insomma, spazio ai giovani, o quanto meno ai nuovi.
Beh, proviamo a ricordare anzitutto che un incarico a questi livelli non è un posto di lavoro come gli altri. Ma il punto principale è che sarebbe un delitto disperdere esperienze così verticalizzate e sedimentate nel tempo.
Vediamo piuttosto di far sì che le esperienze possano essere travasate da un vecchio a un giovane. Ma questo altro non è che spingere un giovane fare una propria carriera. Che ci pare sia già in atto.

Ma la cosa che ci preoccupa di più è il rovescio della medaglia.
Il fatto che la Zappini si sia dimessa dalla carica di presidente di un partito non è che una logica conseguenza della scelta fatta dall'interessata.
Ma se dovesse risultare una discriminante negativa l'appartenere a un partito, allora si otterrebbe solo di allontanare i cervelli migliori dalla politica.
E dato che questo è un problema che purtroppo sta accompagnando fin dall'inizio la Seconda Repubblica, cerchiamo di non aggravare la situazione e cerchiamo piuttosto di incoraggiare la gente più valida ad entrare in politica.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni