Home | Satira | Salvagente | Il salvagente alla mattinata persa oggi in Consiglio Provinciale

Il salvagente alla mattinata persa oggi in Consiglio Provinciale

Un dibattito penoso, quello sulla sfiducia all'assessore Beltrami. Sterile nei contenuti e scontato nei risultati

image

Oggi abbiamo parlato sul nostro giornale del dibattito tenuto in Consiglio Provinciale di Trento sulla mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni contro l'assessore Lia Beltrami Giovanazzi.
Abbiamo pubblicato la cronaca del dibattimento (vedi), le considerazioni del presidente Dellai (vedi) e della consigliera Franca Penasa della Lega Nord (vedi).
Adesso scriviamo le nostre.

Premesso che la Democrazia non ha prezzo, dobbiamo dire che la mezza giornata di oggi impiegata dal Consiglio Provinciale è stata una delle meno edificanti. In altre parole, tempo perso.
Tutti sapevano che la mozione non sarebbe passata, eppure si è dovuto assistere lo stesso al teatrino delle parti, con lo spettacolo deprimente dei consiglieri che hanno cercato di ammazzare il tempo leggendo il giornale, scrivendo al computer, inviando messaggini. Qualcuno perfino lavorando.
Insomma, una riunione finalizzata a mettere in croce l'Assessore alla Solidarietà internazionale.
In realtà, però, nessuno ha detto quello che voleva dire, e questo vale democraticamente per tutti.

Le opposizioni non hanno avuto il coraggio di dire che ritenevano assurdo spendere soldi per la solidarietà in paesi come la Cina e l'India, come avevano invece detto in lungo e in largo fuori dall'aula, anche alla stampa.
Ma la paura di passare per quelli che non vogliono aiutare la povera gente, hanno messo sul tavolo solo le solite battute sulla «visibilità» che l'assessore ottiene con la beneficienza fatta con i soldi pubblici.
Francamente non sappiamo se sia vero che Lia Beltrami abbia avuto più visibilità degli altri assessori, ma certamente è un problema che viene notato solo da quei politici che visibilità non hanno.

Le «mezze opposizioni», che si chiamano ad esempio Nerio Giovanazzi, hanno invece denunciato quello che ritengono il subdolo obbiettivo reale di Dellai: supportare la Beltrami per essere a sua volta aiutato quando candiderà a livello nazionale una volta terminato il mandato presidenziale.
Il consigliere Giovanazzi (lo ha detto lui stesso in aula) voleva star fuori dalla faccenda, ma è stato più forte di lui. La gente deve sapere come stanno le cose.
In realtà ci è difficile pensare che Dellai abbia mai pensato di poter contare sulla Lia…

Ma anche il presidente Dellai ha avuto le sue. Quando ha preso la parola, ha commesso l'errore di fare due più due in un mondo come quello della politica dove la razionalità non ha mai un ruolo di primo piano.
«Prendo atto che non ce l'avete con la politica della Giunta, - ha detto ai colleghi dell'opposizione - né con gli interventi fatti in tema di solidarietà… Quindi non resta che una verità: Lia Beltrami vi è antipatica!»
Inutile sottolineare che, essendo stato l'unico a dire quello che gli era passato per la mente, ha suscitato le ire dei consiglieri. I quali hanno allora provato nuovamente a dire quello che avevano coraggio di esprimere solo fuori dell'aula, ma senza riuscire a farcela.
Sic transit gloria mundi (per dirla con le parole di Borga, che ha sfoderato i più lisi motti latini).

Infine, ci è mancata la voce di Lia Beltrami.
Alla fin dei conti, l'aula è stata occupata per una mattinata per discutere sulle sue dimissioni. L'hanno vituperata in lungo e in largo (anche se non sugli aspetti che avrebbero voluto), ma lei niente.
Non ha aperto bocca.
Quando invece era l'unica che prendendo la parola avrebbe potuto fare un po' di chiarezza e dare un senso ad una mattinata buttata via.
Certamente non avrebbe fatto cambiare idea ai detrattori, ma alla gente comune magari avrebbe fatto piacere conoscere le logiche che muovono il sole e l'altre stelle.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni