Home | Satira | Salvagente | Il salvagente all’Europa che sta annegando sugli immigrati

Il salvagente all’Europa che sta annegando sugli immigrati

All'Europa fantasma e all'egoismo degli Stati europei. A governo e opposizioni. E… a chi non sa ragionare con la propria testa

image

Abbiamo denunciato fin dall'inizio l'assenza dell'Europa nella crisi della Libia. I nostri lettori ricorderanno i nostri avvisi (vedi), le accuse (vedi), le citazioni (vedi), le metafore (vedi), le satire (vedi).
Ma di fondo speravamo che fosse solo lentezza di quel leviatano che abbiamo costruito mettendo in piedi un'Unione Europea che sa più di cooperativa che di federazione vera e propria.
In realtà adesso le carte sono state messe sul tavolo e l'amarezza è in ognuno di noi.

Dapprima i Paesi confinanti con l'Italia hanno fermato i profughi che attraversavano il nostro paese per ricongiungersi con i propri familiari oltre Alpe, quindi l'Italia ha messo in atto un articolo della legge europea che prevedeva i «permessi temporanei» per situazioni come quella che sta accadendo nel Mediterraneo.
Linea politica che non è stata accettata, prima in ordine sparso e adesso al consiglio riunito dei ministri degli interni d'Europa. E a nulla è valso che si rifacesse un giro di telefonate personali ad altissimo livello per rimuovere la rigidità delle posizioni.

A questo punto ci pare scontato gettare un salvagente sia all'Europa che sta annegando che a ogni singolo Stato che la compone.
Ma qualche altro salvagente va gettato anche da noi.

Anzitutto a quella parte della maggioranza che doveva limitarsi a criticare l'Europa, senza minacciare un impossibile (e puerile) sganciamento dell'Europa. Solo Maroni ha espresso un concetto chiarissimo, quando ha detto «L'Europa è compatta a difendere le banche o a dichiarare una guerra. Ma quando si tratta di aiutare un membro in difficoltà, guarda da un'altra parte.»
Tutte le altre espressioni di rivalsa e, peggio ancora, le minacce di separatismo o di semplice sganciamento da operazioni militari comunitarie, rischiano di farci passare dalla parte del torto.

Certo è che, a vedere i risultati, la guerra con la Libia potevamo evitarla.
Quando il premier inglese Cameron dichiara che senza la no fly zone l'Italia si sarebbe trovata ad affrontare un mare di fuggiaschi, non sappiamo su che basi stia articolando il ragionamento, quanto piuttosto per trovare giustificazioni a decisioni affrettate.
Beh, senza no fly zone avremmo avuto da preoccuparci solo degli immigrati.

Una serie di salvagenti va gettata anche alle opposizioni, che perfino in questo momento hanno a cuore solo l'abbattimento di Berlusconi e che per questo qualsiasi posizione del Governo è da contrastare indipendentemente che abbia ragione o torto.
Avremmo voluto vedere cosa sarebbe accaduto se al governo si fosse trovato un Bersani, un Casini o qualcun altro che adesso tuona contro l'operato del governo (del quale fino qualche tempo fa faceva parte).

Infine, un salvagente agli schierati.
Alcuni ci hanno dato dei leghisti solo per aver criticato il comportamento europeo.
Chi ci conosce sa perfettamente che non siamo leghisti e anzi possiamo dire con orgoglio che quasi tutti i partiti ci considerano loro oppositori. Mai come in questo momento ci troviamo in disaccordo con tutti, o quasi tutti.
In momenti del genere bisogna avere il coraggio di ragionare con la propria testa, senza per questo temere di essere etichettati di appartenenza ad alcunché. Il buonsenso non ha colore.

GdM

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni