Home | Satira | Salvagente | Il salvagente alla Lega e alla visione serena che ha del golf

Il salvagente alla Lega e alla visione serena che ha del golf

La Lega Nord è contraria al golf in Trentino, allineandosi così alla posizione dei partiti di maggioranza che tanto combatte

image

È noto che in Provincia, a parte il presidente Dellai e pochi altri illuminati, pochi credono nel golf come risorsa economica vincente per i prossimi anni.
Come abbiamo già detto, e questo vale non solo per il golf, si riscontra una certa difficoltà da parte dei nostri Amministratori a credere in ciò che non conoscono.
Il che è umanamente comprensibile, ma non va dimenticato che con questo ragionamento non sarebbe mai stata scoperta l'America.

Mentre sono tutti pronti ad approvare investimenti ciclopici per attività consolidate come lo sci (a volte anche alla barba dell'ambiente), per discipline che stanno attraversando momenti di fortuna mediatica come il golf, grazie alle vittorie che stiamo conquistando a livello mondiale, ma che non sono nelle nostre tradizioni, nessuno ha la volontà o il coraggio di prendere decisioni, anche quando costano poco.
Gli esempi possono essere trovati nella letteratura del nostro giornale, ma basta suggerirne uno reperibile tramite questo link.

Ma l'altro giorno è avvenuto quello che potrebbe risultare un colpo di scena, anche se è un passo piccolo piccolo: la costituzione del consorzio Golf Trentino.
L'idea era stata intuita in tutta la sua lungimiranza già 25 anni fa dal commendatore Corrado Daldoss che, adoperandosi alla costruzione del primo campo da golf trentino di seconda generazione (Folgaria), aveva deciso di chiamare il percorso «Trentino Golf Folgaria».

Corrado sapeva perfettamente che quell'aggettivo «trentino» sarebbe presto divenuto un trade di tutto rispetto e gli sembrava logico (nella sua mentalità di sano imprenditore self made man) fare sistema anche nel golf.
Oggi i nostri percorsi si chiamerebbero «Trentino golf Dolomiti», «Trentino golf Rendena», Trentino golf Tesino», «Trentino golf Campo Carlomagno».

«Tra una decina d'anni, - sosteneva, - dire Trentino golf avrebbe significato parlare dell'eccellenza del green italiano così come la si trova nel Tirolo e in Baviera.»
Sono passati 25 anni e il Trentino è rimasto così come l'ha lasciato il commendatore Daldoss.
Solo adesso questo piccolo primo passo verso l'ignoto, verso quello che Corrado aveva visto un quarto di secolo fa con grande lucidità: il consorzio Trentino Golf.
Della costituzione del consorzio parliamo in altro articolo (vedi), il cui obbiettivo è in sostanza di verificare la visione del commendatore Daldoss. E, se del caso, procedere con giudizio.

Che dire? Nulla, dato che l'evoluzione di certe prospettive ricorda la velocità di Belisario, quando risalì l'Italia impiegando 27 anni (dal 540 al 567).
Ma dato che siamo ottimisti, l'abbiamo accolto comunque con favore. Meglio tardi che mai. Alla fin dei conti il ritorno del golf alle Olimpiadi è previsto per il 2016 a Rio de Janeiro.

Ciò premesso, stavamo per chiudere la pagina del consorzio Golf Trentino, quando è giunto in redazione un comunicato della lega Nord Trentino sul golf.
Sperando che magari, con la visione rivoluzionaria del partito che rappresenta l'operatività della crema dell'imprenditorialità del Nord Italia, venisse una sferzata verso il futuro, abbiamo letto il comunicato, che riportiamo nel riquadro qui sotto.
A seguire, il nostro commento.

LA PAT SI DÀ AL GOLF

Il dado è ormai tratto, la Provincia si dà al golf, nel senso che la giunta provinciale ha deliberato di supportare la creazione in Trentino di alcuni campi da golf per attrarre una nuova fascia di turismo elitario.
Peccato solo che tale decisione sia poco consona con un ambiente alpino come quello trentino, dove gli spazi di cui necessita un regolamentare campo a 18 buche sono limitati e andrebbero comunque sottratti all'impiego agricolo (e già oggi in Provincia c'è una grave crisi riguardante la produzione di foraggio per gli animali).
Senza poi contare che la manutenzione di un campo da golf necessita di molta, tantissima acqua, con i conseguenti oneri di approvvigionamento che quella quasi totalità dei casi saranno sostenuti dalla comunità per adeguare gli acquedotti comunali.
Investire sul golf per pochi eletti per una realtà come quella Trentina ne vale la pena? Secondo la Lega Nord il gioco non vale la candela, soprattutto per una maggioranza di centro sinistra che, a parole, si professa paladina dei deboli e dell'ambiente ma che, nei fatti, si comporta nel più classico stile capitalista, senza guardare in faccia a nessuno, in primis ai poveri (in crescita) e all'ambiente.

Lega Nord Trentino
Cons. Alessandro Savoi


Questo il nostro commento, che non potevamo esimerci di dare.

Anzitutto, purtroppo, il dado non è tratto per niente e forse non è neanche nelle mani di qualcuno.
Se la Lega ha idea di quali campi da golf la Provincia avrebbe intenzione di costruire, ce lo dica che le dedichiamo lo spazio dovuto e anche più.

Quanto agli spazi, il Trentino è pieno di grandi appezzamenti improduttivi, come quello dove avrebbe dovuto sorgere il campo di Levico. Costruirvi campi da golf sarebbe un recupero che neppure provano a immaginare.
Quindi non si tratta di sottrarre terreno agli agricoltori, ma di terreno da rendere produttivo per aziende agricole che si chiamano campi da golf.

Quanto al foraggio, cerchiamo di ricordare che la Provincia deve spesso incentivare lo sfalcio dell'erba perché altrimenti molti non la taglierebbero affatto.
Riguardo all'acqua di cui necessitano i campi da golf, è la stessa che serve per una qualsiasi azienda agricola. Ragazzi, se l'acqua dovesse essere insufficiente in Trentino, cosa dovrebbero dire a Donnafugata (Sicilia, dove si è appena svolto il Sicilian Open)?

I pochi eletti di cui parla la Lega sono persone normalissime, almeno quanto possono essere normali quelle che vengono a sciare da noi: attrezzature, giornaliere, scuole, desiderio di aria aperta, spirito naturalistico e voce di spesa sono identici alla tipologia degli sciatori.

Infine, qui c'entra poco o nulla l'essere di destra o di sinistra. In tutti i casi si sta di fronte a gente che del golf non importa nulla. Importa solo combattere l'avversario apoditticamente e senza quartiere.
Golfisti, futuro turistico del nostro Trentino, ambiente, benessere, futuro, innovazione, grandi progetti, crescita... sono parole che non hanno grande significato per i nostri amici politici.

Più il mondo cambia e più resta uguale.

GdM
Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni