Home | Satira | Salvagente | I Napoletani hanno passato la notte saccheggiando i rifiuti

I Napoletani hanno passato la notte saccheggiando i rifiuti

I Trentini hanno passato la notte bianca di S. Vigilio divertendosi, risvegliandosi stamattina con la città perfettamente pulita

image

Non è etico lodare sé stessi e criticare gli altri che si comportano male, anche perché la natura ha distribuito democraticamente a tutti dei difetti. Ma non può essere sfuggito il paragone paradossale che ha distinto le notti di Trento di Napoli.

Mentre a Trento decine di migliaia di persone se la sono goduta passando la notte in giro per la città tra spettacoli canori e pirotecnici, tra vino e birra, tra canti e sbaraccate, a Napoli la gente passava la nottata rovesciando cassonetti delle immondizie o dandogli fuoco.
Questo non vuol dire che a Trento la gente sia migliore che a Napoli, ma certamente a nessuno sarà sfuggito che questa mattina, dopo la notte più lunga e godereccia dell'anno, Trento si è svegliata pulita. Non un solo rifiuto per terra.

Le ragioni di questo diverso atteggiamento comportamentale risiedono un po' ovunque, ma alla base di tutto ci sono due cose: l'ente pubblico che ha un alto senso di responsabilità e la gente che si riconosce nell'ente pubblico.
Se in altre città comune, provincia, regione e stato sono cose lontane dalla gente, come se quasi appartenessero a un altro mondo, quassù la Provincia siamo noi, così come noi siamo il comune. La città è nostra, come lo sono territorio, rione, condominio e abitazione.

Spesso ci troviamo in disaccordo con i nostri Amministratori, ma i valori di fondo restano intoccabili.
L'aver abituato i cittadini a differenziare i rifiuti ha creato cultura, atteggiamenti e comportamenti, al punto che quando si va in vacanza da qualche parte dove non si trovano cassonetti differenziati, ci viene spontanea l'idea di portare i rifiuti a casa.

Questo è un patrimonio nato proprio dalla simbiosi tra il pubblico e il privato, tra l'essere e l'avere, tra il diritto e il dovere.
Guai a chi tocca questo equilibrio e gettiamo più che convinti il salvagente a quei poveri disgraziati di Napoli che non hanno capito che lo scaricabarile finisce lì dove comincia la loro responsabilità.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni