Home | Satira | El Braiaza | La geografia storica dei Macéta – 2. Cles

La geografia storica dei Macéta – 2. Cles

Qui continua la Storia dei Comuni del Trentino come nessuno ve l'ha mai raccontata

image

Cles è una ubertosa cittadina della Val di Non; non perché sia stata fondata da Uberto ma perché è produttiva, fertile e florida (pur non essendo in America).
Ha circa 6.500 abitanti residenti a 658 metri di altitudine sulla sponda occidentale del Lago di Santa Giustina, all’imbocco della Val di Sole.

Lago artificiale, formatosi a seguito dello sbarramento del fiume Noce, alimentato dai suoi due principali affluenti: Gheriglio e Guscio.
Il ritrovamento della Tabula Clesiana, emanata dall’Imperatore Tiberio Claudio nel 46 d. C., testimonia l’origine della vocazione frutticola dell’intera area.
Proprio sulla Tabula, infatti, gli studiosi hanno decrittato un’iscrizione che narra la vicenda di tal Adamo della Val di Sole, che ad un concerto di Angelo Branduardi è stato folgorato dalla canzone «Cogli la prima mela».
Così ha deciso di piantare il primo albero da frutto e coltivare la prima mela, il Pomo d’Adamo.
Dopo essersi innamorato della giovane e avvenente Melinda, l’ha conquistata con una corte serrata, presentandosi spesso davanti a lei a torsolo nudo.
Il felice e prolifico matrimonio due ha generato quattro figli: Golden, Renetta, Gala ed Evelina, capostipiti di una dinastia che oggi affolla l’intera valle.
 
La vocazione ospitale e cordiale dei nonesi si evince dalla stessa Tabula Clesiana, laddove c’è scritto «aggiungi un posto a Tabula».
Una copia del prezioso documento, oggi è esposta nel palazzo comunale, gelosamente custodita dal sindaco che, da queste parti, viene eletto fra i migliori allievi delle scuole. Il sindaco è il primo della Cles.
Storicamente Cles è importante anche perché vi è nato Bernardo Clesio nel 1485, cardinale e principe-vescovo di Trento, protagonista dell’omonimo Concilio, voluto per bloccare l'espansione della Riforma dei ginecologi medievali, guidati da Lùtero.
La posizione geografica di Cles è turisticamente ideale, con le ricchezze naturali delle Dolimiti di Brenta, l’Ortles e la Mendola.
Sul Lago di Santa Giustina, poi, è possibile praticare la vela, il canottaggio, il windsurf e la pesca anche se, come abbiamo detto, è meglio la mela.
 
Luca & Siro, I Macéta

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Kristian 12/01/2016
Bello
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni