Home | Satira | El Braiaza | La geografia storica dei Macéta – 3. I Cannoni di Lavarone

La geografia storica dei Macéta – 3. I Cannoni di Lavarone

Qui continua la Storia dei Comuni del Trentino tra il serio e il... Macéto

image

Lavarone (Lavarón in lavaronese, Lavròu in cimbro, Lafraun in tedesco, ζδβξΦ in greco copto) è un comune di 1.110 abitanti, capoluogo della Magnifica Comunità degli Altipiani cimbri.
Il toponimo forse significa làvara, pietra piatta; forse lovàra, fossa per catturare i lupi, o forse deriva da lappa, luogo dove crescono le lappole.

O forse la sua origine deriva dal pastore Giambattista Rone, la cui igiene personale risaliva all’epoca dei Cimbri e per questo tutti imploravano la madre: «Dai, lava Rone!».
 
Lavarone è situata a circa 1.200 metri di altitudine.
Il suo territorio è composto da 19 frazioni e presenta un piccolo lago sul quale Sigmund Freud veniva spesso in vacanza, per questo sulle rive invece delle panchine ci sono comodi lettini.
D'estate il lago è balneabile, d'inverno è possibile praticarvi il pattinaggio su ghiaccio o degustare granite psicanalitiche.
 
Non si conosce bene l’origine dei lavaronesi, certo è che la penetrazione romana in Trentino risale a poco prima del 100 a. C. e siccome i Romani non usavano contraccettivi, la penetrazione determinò la nascita di una nuova comunità.
Poi, giunsero i Bavaresi che si fusero con i Romani che persero l'uso della lingua madre: ecco perché nelle famiglie di Lavarone, da allora, parlano solo i padri.
 
Nel 1487 mentre infuriava la guerra fra la Repubblica di Venezia e il conte del Tirolo Sigismondo, Lavarone si sottomise alla Serenissima; e anche lì ci fu penetrazione…
Dopo il Congresso di Vienna, il Trentino venne annesso all'impero asburgico e l’alto-piano lavaronese divenne piazzaforte militare con tanti forti.
Per anni la popolazione locale è stata impiegata principalmente nella produzione di carbone, nonostante le proteste della Befana che, ogni 6 Gennaio, non sapeva cosa mettere nelle calze dei bambini cattivi.
 
Lavarone è una località ospitale a prevalente a vocazione turistica.
Qui si praticano sport estivi e invernali. Fra i primi ricordiamo cross country, trekking, biking, walking o più semplicemente si va a funghik.
Lo Ski Center è un comprensorio sciistico con ben 27 piste: quelle nere (alta difficoltà), rosse (media), blu (facile) e verde (quando si scia sull’erba).
Solo in questo caso, un tempo venivano invitati i celebri attori Gregory Peck, David Niven, Anthony Quinn, per sparare neve sulle piste con i Cannoni di Lavarone.
 
L’economia locale è molto fiorente, soprattutto in primavera.
Il territorio comunale ha una ricettività di circa 10.000 posti letto tra hotel da 2 a 4 stelle.
In via eccezionale raggiungono i 5 stelle quando tra gli ospiti figura Beppe Grillo.
 
Buon anno da
Luca & Siro, I Macéta

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
enrico 06/01/2016
A quando una guida "macéta" del Trentino?
;-)
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni