Home | Sport | I piloti di Formula 1 e le loro auto da corsa

I piloti di Formula 1 e le loro auto da corsa

Una domanda sempre molto ricorrente: in Formula 1 conta di più l'auto o il pilota?

image

>
I piloti di formula 1 e le loro auto da corsa I piloti di Formula 1 fanno parte di questo grande percorso, che rappresenta la massima categoria di vetture monoposto con ruote scoperte, che devono gareggiare su un circuito prestabilito da quella che è la Federazione Internazionale dell’Automobile.
Tale categoria di Formula 1 out origine nel 1948, quando è stata sostituita la Formula A. Ad oggi, i piloti di Formula 1, così come l’intera categoria, sono regolati dal Consiglio Mondiale degli Sport Motoristici.

Il termine Formula va a rappresentare l’insieme di tutte le regole che un pilota, con la propria auto, deve rispettare.
Tali regole sono piene di restrizioni e soprattutto di linee guida fondamentali e specifiche nelle automobili. Soltanto così è possibile evitare differenze tecniche tra le auto, e dunque di porre dei limiti ai piloti e alla loro società, al fine di evitare qualsiasi rischio o incidente alla guida.
Il ruolo dei piloti di Formula 1, inoltre, così come la Formula stessa, ha subito tantissimi cambiamenti nel corso del tempo.

In Formula 1 conta di più l'auto o il pilota?

Tale domanda è sempre molto ricorrente, proprio perché ci si chiede cosa sia importante nella Formula 1, e soprattutto quale sia il segreto per il successo dei migliori piloti di formula 1. Per alcuni, l’auto è fondamentale, soprattutto nella sua completezza, per le sue tecniche e per la modalità con cui è stata costruita.
Per altri, il pilota e la sua bravura fanno da protagonista nella scena della Formula 1. Il pilota più bravo è quello che cerca di non fare errori quando guida la macchina migliora. Infatti, questa è un’affermazione abbastanza eloquente e che rappresenta l’anima di questo sport. Dunque, per avere la macchina migliore bisogna anche dimostrare di essere abbastanza bravi e capaci di saperla guidare, ma soprattutto più veloce delle altre. Soltanto quando si ha l’auto che tutti vorrebbero, allora ci sarà molta più costanza e voglia di non sbagliare.

I piloti, grazie alle loro società, possono addirittura contribuire a sviluppare la propria macchina e la fase di collaudo. E forse è qui che si caratterizza e si distingue un buon pilota da uno mediocre. Ovviamente, è giusto dire che non sempre i risultati ottenuti in precedenza da un pilota possono essere considerati come garanzia per fare sempre un buon lavoro, anche perché possono non trovare conferma in altre gare.
Infatti, sono tanti piloti che hanno deluso in Formula 1, pur avendo sotto il proprio controllo delle auto davvero eccezionali. Invece, sono numerosi i successi che possono essere conquistati quando un pilota si prodiga nella realizzazione della propria macchina, e soprattutto quando c’è da parte sua un lungo e difficoltoso collaudo, che serve soprattutto per conoscere ogni dettaglio dell’auto. Il lavoro di un pilota, in questo caso, è doppio, ma sicuramente può portare al successo.

I piloti e le loro auto

Un pilota di Formula 1, con la propria macchina, può ambire a diventare il volto delle vetture della Formula 1, ma tutto deve essere basato su una lunga e grande evoluzione tecnica.
Le auto devono essere pensate nei singoli dettagli, i quali devono essere poi affinati secondo l’attento sguardo del pilata. Soltanto in questo modo è possibile poi ottenere la perfezione, non solo a livello estetico, ma soprattutto in gara, dove ci si gioca tutto al 100%. Quando l’auto viene modificata, sono tante le questioni da non sottovalutare, come ad esempio: la regolamentazione delle misure e dei parametri da rispettare, ma anche il problema sicurezza.

I piloti, infatti, sono costantemente mi sia rischio, anche perché le vetture e la Formula 1, soprattutto quelle moderne, sono monoposto, e il motore è da trovarsi nel lato posteriore centrale. La scocca è realizzata per essere leggera, ma allo stesso tempo robusto e resistente, ed è per questo che e creata in fibra di carbonio. Nell’insieme, una macchina con all’interno il suo pilota devono ottenere una massa minima di 640 kg. In definitiva è giusto dire che le auto sono importanti, ma che i piloti di Formula 1 hanno tutti nelle loro mani e devono avere le capacità adatte per ottenere la vittoria.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande