Home | Sport | I benefici della bicicletta per i bambini

I benefici della bicicletta per i bambini

La raccomandazione degli esperti: prima si inizia e meglio è

I benefici della bicicletta per bambini sono così tanti che è impossibile descriverli tutti. Questo mezzo di trasporto antico e tecnologico è, ancora oggi, uno dei più utilizzati.
Per questo motivo i bambini dovrebbero essere abituati all’uso della bicicletta sin da subito, dapprima con l’aiuto delle rotelle e poi lasciati in libertà.

Non solo, i bambini oggi tendono a stare a casa e giocare con i videogiochi o guardare i video sullo smartphone: la bicicletta potrebbe rappresentare la scusa giusta per trovare il proprio spazio nel mondo, fare amicizia e stare all’aria aperta.
Scopriamo insieme tutti i benefici delle bici per bambino.
 
 Come si sceglie una bici per bambini  
Le varie tipologie di bicicletta presenti sul mercato seguono la crescita del bambino.
Sono studiate appositamente per abituarlo a gestire l’attività mentre si diverte, dapprima con le rotelle e poi in libertà basandosi solo sul suo equilibrio.
Curiosando tra le offerte biciclette per bambini si farà la scelta giusta, in base all’altezza e alla sua attitudine, con un occhio attento all’estetica.

 Quali sono i benefici della bicicletta per bambini? 
Pedalare fa bene a tutti, bambini e adulti.
Nell’età dello sviluppo può essere considerata come una attività fisica completa e divertente.
Questo tipo di sport non affatica le articolazioni – delicate nella fase della crescita – ma rafforza l’apparato cardio vascolare del bambino.
 
Tra i vari benefici, anche migliorare la respirazione e la postura aiutandolo nella crescita e nelle posizioni anche mentre è seduto sui banchi di scuola.
Questo mezzo di trasporto insegna anche l’amore per la natura, il rispetto per l’ambiente e consente di stare all’aria aperta anche tutto il giorno.
Un bambino sviluppa anche la corretta prontezza di riflessi, senso di agilità ed equilibrio oltre che la velocità corretta e attenzione alle distanze.
 
A questo si aggiungono anche dei fattori psicologici molto importanti.
La bici è il primo mezzo di trasporto da condurre sotto la sua responsabilità completa: questo comporta di sviluppare un senso di responsabilità verso se stesso e gli altri, per la strada o nel parco, acquisendo maggiore autonomia e libertà.
 
Sono tutti elementi importanti per ritrovare anche l’autostima, mantenere il corpo sano e facilitare le relazioni sociali.
 
 Quando si può iniziare a pedalare  
Il consiglio è di portare il bambino in bicicletta insieme ad uno dei genitori già da piccolissimo.
Quando compie due anni si può iniziare con la bicicletta senza pedali, così da familiarizzare con il mezzo e capire come si conduce.
Si passa poi alla bici con le rotelle e, di solito, a sei anni si possono già togliere. In caso contrario, non deve essere obbligato a lasciare le rotelle sino a quando non si sentirà pronto e al sicuro.

A sette anni si può passare alle ruote più grandi da 20 pollici, aumentando sino a 26.
Ovviamente, tutto dipende anche dal fisico e dall’altezza del bambino scegliendo una bici piccola o grande per una maggiore guidabilità e sicurezza.
Da evitare le bici con il cambio e fare in modo che il bambino indossi sempre casco e ginocchiere, per una maggiore sicurezza alla guida.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande