Home | Sport | Maratona Trieste: come volevasi dimostrare, vince un africano

Maratona Trieste: come volevasi dimostrare, vince un africano

Primo tra gli uomini il ruandese Hitimana. Prima tra le donne la kazaka Mazuronak

È francese di origini africane, Noel Hitimana, il vincitore della 24 Half Marathon di Trieste, che ha tagliato il traguardo in piazza Unità d'Italia dopo 21 chilometri.
Al secondo posto è giunto Najibe Salami dell'esercito italiano, è al terzo il keniota Joel Melly.
Tra le donne, ha vinto la kazaka Vohla Mazuronak davanti alla atleta del Burundi Cavaline Nahimana e all'italiana Laika Soufyane.
 
Dopo le polemiche, l'organizzatore, Fabio Carini parla di «una giornata che rimarrà indimenticabile per me e per tutti coloro che con me l'hanno vissuta da protagonisti».
Al traguardo anche Rita Giancristofaro con un tempo di poco superiore alle due ore, nel corso delle quali ha corso, rallentato, si è fermata e poi ha ripreso.
«Ero alla fine, ho dovuto fermarmi a metà gara, non me lo aspettavo un mese e mezzo fa che avrei ripreso a correre», e annuncia: «da oggi comincio una nuova preparazione per la maratona di Genova, che si terrà a dicembre.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande