Home | Sport | Basket | Primo volto nuovo di Dolomiti Energia Trentino: Mattia Udom

Primo volto nuovo di Dolomiti Energia Trentino: Mattia Udom

L’ala classe ’93 ex Verona e Brindisi porta esperienza e qualità al reparto lunghi della Dolomiti Energia – Coach Molin: «Rinforziamo il gruppo italiano»

image

>
È Mattia James Udom, ala italiana di 200 cm per 102 kg, il primo nuovo acquisto della Dolomiti Energia Trentino versione 2022-23: contratto di un anno con opzione per il secondo per il lungo protagonista nelle ultime due stagioni in Serie A con la maglia di Brindisi e fresco di convocazione in Nazionale per il raduno dell’Italia a Trieste e l’amichevole contro la Slovenia.

Nato il 17 novembre di 29 anni fa a Bagno di Ripoli (Firenze), Mattia Udom è cresciuto nel settore giovanile della Mens Sana Siena: nel 2013 le prime esperienze con il gruppo senior di Siena tra campionato italiano ed EuroCup, poi una lunga permanenza in Serie A2 con le maglie di Agrigento, di nuovo Siena, Biella e soprattutto Verona (dove rimane per tre stagioni tra il 2017 e il 2020).
 
Nelle ultime due stagioni Mattia, di madre francese e padre nigeriano, ha vestito la maglia della New Basket Brindisi realizzando 5,4 punti e 4,5 rimbalzi di media in 68 presenze ufficiali tra Serie A e coppe nazionali, oltre a 6,2 punti e 4,8 rimbalzi in 16 partite di FIBA Basketball Champions League.
Lo scorso 29 novembre Udom ha debuttato con la magia dell’Italbasket in occasione delle qualificazioni ai Mondiali 2023, giocando un ruolo chiave nel successo interno della Nazionale contro i Paesi Bassi in cui il numero 20 ha segnato 5 punti e catturato 4 rimbalzi e prodotto 2 recuperi in 21’ di gioco.  
 
 Lele Molin  
(Allenatore Dolomiti Energia Basket Trentino)
«L’innesto nel roster di Mattia Udom va nel segno di rinforzare il gruppo italiani con un atleta di personalità e identità: Udom è un giocatore il cui spirito combattivo e la cui tenacia, espresse nel modo in cui lotta a rimbalzo e difende, rappresentano alla perfezione il DNA dell’Aquila e la nostra die-hard mentality.
«Siamo contenti di dargli il benvenuto a Trento, anche perché è un lungo versatile che aggiunge al reparto esperienza e qualità».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande