Home | Sport | Basket | A canestro Dolomiti Energia Trentino arriva con Darion Atkins

A canestro Dolomiti Energia Trentino arriva con Darion Atkins

Coach Lele Molin: «Darion ha qualità complementari a quelle dei compagni di reparto e funzionali al disegno tecnico della squadra»

image

>
La Dolomiti Energia Trentino comunica di aver sottoscritto un accordo per la stagione 2022-23 con Darion Atkins: lo statunitense classe '92 va a rinforzare il settore lunghi dei bianconeri portando assieme a tecnica e atletismo anche un importante bagaglio di esperienza maturata nei principali campionati europei negli ultimi anni.
Nato il 17 settembre di 30 anni fa a Clinton, 203 centimetri per 105 chilogrammi, Darion è un prodotto dell'Università della Virginia: con i Cavaliers gioca per quattro stagioni (l'ultima a 7,6 punti e 6,0 rimbalzi di media), quindi dopo un assaggio di G-League con i Westchester Knicks arriva lo "sbarco" in Europa.
 
Nel 2016 Atkins gioca in Israele nell'Hapoel Holon, con cui disputa una convincente stagione da rookie a 13,6 punti e 8,6 rimbalzi di media.
A Holon Darion giocherà anche nel 2018-19 (12,3 punti, 6,9 rimbalzi e 1,3 stoppate a partita) dopo un'annata in Francia a Strasburgo dove vince la Coppa nazionale contribuendo in 34 partite ufficiali con 9,9 punti e 5,3 rimbalzi.
 
Dopo essersi diviso tra Tenerife e Bamberg nella stagione 2019-20, quella interrotta anzitempo dalla pandemia, Atkins è protagonista di un'ottima stagione in Turchia al Fethiye (13,3 punti e 7,4 rimbalzi di media) che gli vale l’approdo ai Niners Chemnitz.
In Bundesliga lo scorso anno Darion viaggia a 11,8 punti e 6,4 rimbalzi di media in 32 partite ufficiali, con il 56% al tiro dal campo e il 30,2% da tre su 43 tentativi.  
 
 Lele Molin  
Allenatore Dolomiti Energia Basket Trentino.
«Diamo il benvenuto a un giocatore che ricoprirà un ruolo importante nel nostro reparto lunghi: Darion è un veterano dell’Europa, ha giocato in campionati e coppe lasciando spesso il segno.
«Firmiamo Atkins per le sue qualità tecniche, per la sua esperienza e perché pensiamo sia una persona che si addica al gruppo che stiamo costruendo. Atkins ci porta in dote presenza in area, è un giocatore duttile che si sposa bene con le caratteristiche dei compagni di reparto ed è funzionale al disegno tecnico della squadra.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande