Home | Sport | Basket | Andrea Mezzanotte: «Limitiamo gli errori e arriveremo in alto»

Andrea Mezzanotte: «Limitiamo gli errori e arriveremo in alto»

L’ala bianconera e coach Brienza prima del match di domani sera alla BLM Group Arena contro l’Arka Gdynia: «I polacchi hanno intensità fisica e difensiva da big»

image

>
 Game Info 
Dolomiti Energia Trentino (2-1) vs. Asseco Arka Gdynia (2-1)
BLM Group Arena | mer 23.10 | h 19.30 | Eurosport 2 ed Eurosport Player
 
 NICOLA BRIENZA 
(Allenatore Dolomiti Energia Trentino)
«Affrontiamo un’eccellente squadra che gioca una pallacanestro di grande sostanza e grande attenzione, un'avversaria ostica da battere perché fa dell'intensità fisica e difensiva la sua arma principale: in queste prime tre partite del girone è quella che forse nel gruppo D più di tutte si è dimostrata preparata e solida nella sua metà campo.
«Gdynia ha vinto due volte in trasferta su campi difficili da espugnare come Oldenburg e Podgorica e se l'è giocata alla pari anche con una corazzata come Malaga: dovremo essere bravi a pareggiare la loro intensità senza però adattarci al loro modo di giocare, provando ad esprimere la nostra pallacanestro e il nostro ritmo di gioco.
«Abbiamo grande voglia di scendere in campo e giocare una grande partita, sappiamo che questo match può contare molto anche per la classifica del gruppo D.»
 
 ANDREA MEZZANOTTE 
(Ala Dolomiti Energia Trentino)
«Il nostro prossimo passo in avanti deve arrivare dal limitare gli errori banali, in attacco e in difesa, che ci sono costati cari nelle ultime partite.
«Penso a qualche palla persa non forzata, a qualche passaggio a vuoto in difesa perché non teniamo un uno contro uno o perché rientriamo male in transizione.
«Se riusciamo a sistemare questi piccoli dettagli di concentrazione e attenzione credo che faremo un bello step come squadra, perché tutti nel gruppo hanno mentalità vincente, talento e voglia di portare questa squadra a fare una grande stagione.
«Per quanto riguarda il mio inizio di annata sono soddisfatto e anche un po’ sorpreso, perché non mi aspettavo neppure io di entrare così bene nel ritmo di gioco della squadra e nel tipo di pallacanestro di coach Brienza: so di dover lavorare ancora tanto su diversi aspetti del gioco, e lo sto facendo con ancora più entusiasmo e fiducia per guadagnare spazio e minuti in campo.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni