Home | Sport | Calcio | Un allenamento defaticante chiude il ritiro del Napoli

Un allenamento defaticante chiude il ritiro del Napoli

Sugli spalti di Dimaro Folgarida il pubblico ha sosternuto Spalletti e giocatori

Termina il ritiro del Napoli in Val Di Sole, anche nell’ultimo allenamento gli azzurri hanno assaggiato il dolce sapore dell’entusiasmo dei tifosi che hanno chiesto autografi ai loro beniamini lanciando in campo maglie o palloni. Il pubblico si è recato sugli spalti del campo sportivo di Carciato per far sentire il proprio sostegno agli uomini di Spalletti che per tutto il ritiro si è mosso per alimentare l’entusiasmo e costruire un forte clima di empatia tra la squadra e i tifosi del Napoli.
Negli ultimi metri percorsi al campo sportivo di Carciato Spalletti ha mostrato ai tifosi la pettorina con il coro «Sarò con te ma tu non devi mollare», tanto caro sin dal giorno dell’arrivo a Napoli dell’allenatore di Certaldo.
 
L’ultima seduta a Dimaro Folgarida ha previsto lavoro di scarico per i ragazzi di Spalletti, con Osimhen a riposo per un programma di gestione delle forze, Elmas e Petagna, che non hanno disputato l’amichevole contro la Pro Vercelli, ancora affaticati.
Spalletti ha raccontato così la fatica della squadra che ha bisogno di recuperare le energie dopo le tante doppie sedute a Dimaro.
«Abbiamo fatto tutto il lavoro, vogliono mettersi a disposizione e farsi vedere, sentono a non tirare fuori il dolorino con l'allenatore nuovo.»
 
Nell’allenamento con cui il Napoli ha salutato il Trentino, i ritmi sono stati abbastanza blandi con esercizi in palestra e lavoro tecnico soprattutto per calciatori come Manolas, Malcuit e Zielinski che hanno giocato meno durante l’amichevole contro la Pro Vercelli.
Nell’atmosfera c’è l’amaro in bocca per l’infortunio di Demme, che ha rimediato un trauma contusivo-distorsivo di secondo/terzo grado del ginocchio destro e potrebbe fermarsi per un paio di mesi.
Il centrocampista tedesco contro la Pro Vercelli ha lasciato il campo al 16’, ha patito gli effetti di un fallo di Comi, attaccante e figlio d’arte della Pro Vercelli.
 
Spalletti ne ha parlato così nella conferenza stampa.
«L'infortunio di Demme è l’unica nota negativa. Ci dà fastidio, ci rompe le scatole, bisogna essere cauti e aspettare gli approfondimenti.
«Osimhen è l’idolo dei bambini, il volto-copertina del ritiro con il ruolo da trascinatore in attacco e i cinque gol complessivi realizzati in due amichevoli ma Spalletti si è speso soprattutto per Koulibaly.
«Lo vorrei sempre con me, non ho mai allenato uno forte come lui, sia come calciatore che come uomo.»
 
Ricostruire dopo due anni un clima di gioia e serenità nel rispetto delle regole di sicurezza è stata un’impresa su cui impostare anche i ragionamenti per il futuro.
In Val di Sole c’è stata anche una brillante sperimentazione delle regole che disciplineranno il rientro del pubblico negli stadi, con il green pass, uno strumento di tutela per tutti.
Mercoledì pomeriggio il Napoli tornerà ad allenarsi al centro sportivo di Castel Volturno per preparare l’amichevole di sabato pomeriggio contro il Bayern Monaco (calcio d’inizio alle 16:30) all’Allianz Arena, il primo test prestigioso di un tour internazionale con gli azzurri che faranno tappa anche in Polonia, nell’amichevole contro la Wisla Cracovia mercoledì 4 agosto (calcio d’inizio alle 18).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni