Home | Sport | Ciclismo | Obiettivo: diecimila metri di dislivello in 24 ore

Obiettivo: diecimila metri di dislivello in 24 ore

Domani 10 agosto la nuova sfida di Lorenza Menapace in Val di Sole

image

Photo Credits: Tommaso Prugnola.

Dalle prime luci dell’alba di mercoledì 10 agosto, la rider della Val di Sole proverà a coprire il maggior numero di metri di dislivello positivo in sella a una Mountain Bike nell’arco di una giornata. Ad ospitare il tentativo sarà l’itinerario della Val Meledrio, in Val di Sole: obiettivo varcare la soglia dei 10.000 metri
Lorenza Menapace non sa resistere alle grandi sfide. Nella sua carriera, l’atleta originaria della Val di Sole è riuscita a centrare numerose affermazioni nelle gare a tappe di MTB, compresa la Bike Transalp, la competizione più lunga e impegnativa d’Europa.
Risale al 2020, inoltre, il suo tentativo di Everesting, andato ovviamente a segno in circa 13 ore.
 
Stavolta, l’atleta di Terzolas, 50 anni, capace in carriera anche di un secondo posto ad un Campionato Italiano Marathon fra le Elite, si misurerà sulla distanza delle ventiquattro ore, puntando a stabilire un record di dislivello accumulato in MTB: sarebbe la prima donna a riuscirci.
Alle prime luci dell’alba di mercoledì 10 agosto, il giorno del suo onomastico, Lorenza Menapace prenderà il via dalla Val Meledrio per ripetere in maniera continuativa un anello di 5,2 Km che prevede 318 metri di dislivello positivo e una pendenza massima in salita del 12,3%.
Un’impresa che tenterà con il supporto di un solo accompagnatore, incaricato della logistica e dei rifornimenti, e la collaborazione di APT Val di Sole e del Comune di Dimaro Folgarida.
 
«Sognavo da anni questo tentativo. Mi sono preparata molto bene e spero di essere in grande giornata, – ha detto Lorenza Menapace. – L’obiettivo è varcare la soglia dei 10.000 metri di dislivello positivo.
«Cercherò di pedalare nella prima parte del tentativo con temperature più basse, sfruttando al meglio questa condizione quando ancora le energie sono al top. In uno sforzo come questo è molto importante la gestione ma credo di aver accumulato l’esperienza necessaria nei miei anni di carriera.
«Ci tengo a ringraziare APT Val di Sole e il Comune di Dimaro Folgarida per l’importante supporto e la preziosa collaborazione.»
 
Bagnata dall’omonimo torrente, la Val Meledrio mette in comunicazione la Val di Sole con la Val Rendena, separando di fatto il Gruppo Presanella dalle Dolomiti di Brenta.
Si tratta di uno degli angoli più selvaggi della Val di Sole, che gli abitanti della zona chiamano spesso con il termine Selva, essendo caratterizzata da fitte abetaie, conifere e ripidi ghiaioni sopra i quali si innalzano le pareti verticali della catena settentrionale del Brenta.
La vallata offre molti itinerari battuti per escursioni in sella ad una MTB come il Tour Val Meledrio, uno dei più caratteristici della Val di Sole con le sue veloci discese su strade sterrate e sentieri a basso coefficiente di difficoltà, immersi nel Parco Naturale Adamello Brenta.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande