Home | Sport | Ciclismo | Kirchmair e Simenc campioni nella Granfondo Mondiale

Kirchmair e Simenc campioni nella Granfondo Mondiale

La grande domenica della Granfondo e della Mediofondo ha chiuso in bellezza il programma degli UCI Gran Fondo World Championships a Trento

image

>
Domenica 18 Settembre Trento ha vissuto a fondo la conclusione dei Mondiali UCI Gran Fondo 2022, la seconda edizione nella storia del capoluogo del Trentino dopo quella del 2013.
C’è da giurarci, non la dimenticherà presto: i quattro giorni della rassegna iridata per amatori organizzata da APT Trento Monte Bondone e Trento Eventi Sport hanno superato le aspettative per tanti motivi.

I numeri dell’evento raccontano già una storia importante: più di 2.000 atleti, oltre 4.000 presenze considerando gli accompagnatori, persone da 60 Paesi del mondo che sono arrivate – molte per la prima volta – nel capoluogo trentino, riempiendone gli alberghi, frequentandone caffè, ristoranti e musei, e soprattutto percependone l’autentico amore per la bicicletta in tutte le vesti.
 
Lo hanno detto in tanti in questi giorni, a fianco dei complimenti per una città che ha saputo sorprendere gli ospiti da tutto il mondo.
«Qui il rispetto per il ciclista si vede e si sente. Ci siamo sentiti accolti.»
Parole che contano tanto, in una città che tanto sta facendo per portare la bicicletta sempre più nel cuore delle persone e delle loro vite, e che ridimensionano anche il peso di qualche poco illuminata polemica.
 

 
La Domenica di Trento prevedeva il menù più ricco di queste quattro giornate: la Mediofondo (86,8 km e 2.218 metri di dislivello) per le fasce d’età più alte (uomini dai 60 in su, donne dai 50 in su), e soprattutto la Granfondo, con i suoi 143,8 km e 3.900 metri di dislivello, frutto di due scalate e mezza verso la cima del gigante di Trento, il Monte Bondone.
Al via delle due prove si sono presentati 1537 atleti, scattati da via Roberto da Sanseverino a partire dalle 10 del mattino.
 
In gara c’erano tutti gli atleti più forti delle categorie amatoriali a livello mondiale, e i risultati lo dimostrano. Il più veloce di tutti nella Granfondo è stato l’austriaco Stefan Kirchmair (cat. 19-34), ex professionista ad inizio anni ’10 e oggi preparatore, che ha divorato il tracciato di gara in 4 ore, 14 minuti e 6 secondi, distanziando lo svizzero Dimitri Bussard ed il belga Sieben Devalckeneer di poco più di mezzo minuto.
Kirchmair si è già affermato fra i granfondisti più forti al mondo, avendo conquistato quest’anno la prestigiosa «Etape du Tour» con arrivo sull’Alpe d’Huez.
 
Nella granfondo femminile, la slovena Laura Simenč (cat. 19-34), già oro nel team relay con la sua nazionale, è riuscita a regolare allo sprint finale due padrone di casa, la veneta Martina Trevisiol e la piemontese Samantha Arnaudo, concludendo in 5.02.41.
Ex atleta élite, oggi ricercatrice di virologia veterinaria, la Simenč vanta anch’essa numerosi successi in stagione, fra i quali la Granfondo Nove Colli in territorio italiano.

Risultati.



Fra le varie categorie non sono però mancati i successi italiani: quelli di Francesco Figini (Granfondo 35-39), Giuseppina Michela Bergozza (Mediofondo 50-54), Olga Cappiello (Mediofondo 55-59), Giorgio Chiarini (Mediofondo 60-64), del trentino Silvano Janes (Mediofondo 65-69) e di Silvano Assaloni (Mediofondo 80-84).
Fra le firme di prestigio anche quella della francese Jeannie Longo, plurititolata da Elite e capace di indossare l’ennesima maglia iridata, facendo il bis dopo il successo a cronometro.
 
Vincitori o meno, tutti gli atleti hanno dovuto guadagnarsi l’onore di concludere un Mondiale esigente, a detta di tutti il più duro da molte edizioni, se non addirittura dall’ultima volta di Trento.
In una giornata perfetta per andare in bicicletta, fresca - soprattutto nella prima mattinata - ma poi scaldata dal sole e sotto un cielo limpido, i partecipanti hanno trovato però la miglior ricompensa dei loro sforzi.
«Il Bondone è una salita veramente dura, ma a lasciare senza fiato è la veduta dall’alto sulla città e le Alpi. Questo percorso e questo territorio meritano il viaggio», – lo hanno detto in tanti, da ogni parte d’Europa, come dall’Australia, dagli Stati Uniti, dal Giappone e dallo Zimbabwe.
 
A riempire il cuore, oltre al Quartiere Le Albere che ha applaudito fino all’ultimo partecipante sul rettilineo d’arrivo, è stata l’atmosfera unica che il Mondiale Gran Fondo ha saputo generare.
La competizione c’è, e in un Mondiale è giusto così, ma a Trento si è percepito soprattutto lo spirito di persone felici di vivere un’esperienza unica e di farlo al meglio, grazie a una città che ha saputo accoglierli a braccia aperte, un’organizzazione che ne ha curato le esigenze nel minimo dettaglio.
 
«È stato splendido ed emozionante accogliere persone da tutto il mondo nella città di Trento, – ha commentato il Sindaco Franco Ianeselli. – Un evento come questo è stato per noi una grande opportunità per riaffermare il legame di Trento con la bicicletta, non soltanto come sport ma come mezzo di trasporto e come nuovo modo di fare turismo.
«L’augurio è che chi ha assaporato il nostro territorio in questi giorni possa portarlo nel cuore e raccontarlo al ritorno a casa.»
 
Maurizio Evangelista, Responsabile Organizzativo, ha espresso la sua soddisfazione per la riuscita tecnica dell’evento.
«Siamo particolarmente contenti del risultato di questo Mondiale Gran Fondo, e dei feedback che in questi giorni abbiamo ricevuto da parte degli atleti.
«La nostra organizzazione ha messo al centro l’attenzione ai servizi al ciclista e alla sicurezza di tutti gli atleti, e oggi possiamo festeggiare un successo da entrambi i punti di vista.
«In questo senso, un ringraziamento speciale va al grande team organizzativo messo in piedi da APT Trento Monte Bondone e Trento Eventi Sport, alle istituzioni che hanno voluto e promosso questo evento, alle forze dell’ordine che hanno curato la sicurezza, all’equipe sanitaria, ai volontari e ovviamente a tutti coloro che hanno scelto di venire a Trento per vivere questa avventura con noi.»
 

 
 I nuovi campioni del mondo granfondo master  
DONNE (45-49): Christina Rausch (GER)
DONNE (40-44): Nicolien Luijsterburg (NED)
DONNE (35-39): Martha Maltha (NED)
DONNE (19-34): Laura Šimenc (SLO)
 
UOMINI (55-59): Michael Schaefer (GER)
UOMINI (50-54): Roger Devittori (SUI)
UOMINI (45-49): Igor Kopše (SLO)
UOMINI (40-44): Patrick Hagenaars (AUT)
UOMINI (35-39): Francesco Figini (ITA)
UOMINI (19-34): Stefan Kirchmair (AUT)
 
 I nuovi campioni del mondo mediofondo master  
DONNE (65-69): Tarja Simakkala (FIN)
DONNE (60-64): Jeannie Longo (FRA)
DONNE (55-59): Olga Cappiello (ITA)
DONNE (50-54): Giuseppina Michela Bergozza (ITA)
 
UOMINI (85-89): Arthur Duncan (RSA)
UOMINI (80-84): Silvano Assaloni (ITA)
UOMINI (75-79): Josef Bichl (AUT)
UOMINI (70-74): Rudolf Sluyts (BEL)
UOMINI (65-69): Silvano Janes (ITA)
UOMINI (60-64): Giorgio Chiarini (ITA)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande