Home | Sport | Ciclismo | Concluso il Giro d’Italia 2024: è nato un campione

Concluso il Giro d’Italia 2024: è nato un campione

Tadej Pogacar vince il 107esimo Giro d'Italia con un vantaggio di quasi 10 miuti sul secondo in classifica generale – La tappa finale è stata vinta da Tim Merlier

image

>
Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha vinto il 107° Giro d’Italia, indossando la Maglia Rosa di leader della classifica generale dalla seconda tappa fino al Grande Arrivo di Roma
Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Daniel Felipe Martinez (Bora - Hansgrohe) e Geraint Thomas (Ineos Grenadiers).
Tim Merlier (Soudal Quick-Step) ha vinto la tappa 21, la Roma-Roma di 125 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Jonathan Milan (Lidl-Trek) e Kaden Groves (Alpecin - Deceuninck).
 
 Classifica Generale  
1 - Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
2 - Daniel Felipe Martinez (Bora - Hansgrohe) a 9'56"
3 - Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) a 10'24"
 
 Le maglie ufficiali  
Le Maglie di leader del Giro d’Italia sono disegnate e realizzate da CASTELLI.
- Maglia Rosa, leader della Classifica Generale, sponsorizzata da Enel - Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
- Maglia Ciclamino, leader della Classifica a Punti, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e ITA Italian Trade Agency - Jonathan Milan (Lidl-Trek)
- Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
- Maglia Bianca, leader della Classifica Giovani, nati dopo il 01/01/1999, sponsorizzata da Eataly - Antonio Tiberi (Bahrain Victorious)
 
 Ordine d'arrivo  
1 - Tim Merlier (Soudal Quick-Step) - 125 km in 2h51'50", media di 43.646 km/h
2 - Jonathan Milan (Lidl-Trek) s.t.
3 - Kaden Groves (Alpecin - Deceuninck) s.t.
 
 Le dichiarazioni a caldo  
Il vincitore del Giro d'Italia 107, Tadej Pogacar.
«Porterò con me per sempre grandi ricordi del Giro e di questa giornata a Roma.
«La Maglia Rosa è davvero speciale, e vestirla per 20 giorni è stata un'esperienza unica.
«Oggi con la squadra abbiamo controllato tutto alla perfezione, evitando rischi, peccato che Molano non abbia avuto la sua giornata migliore.
«Sono contento per tutti coloro che mi hanno supportato fin dal primo giorno.»
 
Il vincitore della 21ª tappa, Tim Merlier.
«Non è stata una vittoria perfetta, devo chiedere scusa ai ragazzi. Avevo delle ottime gambe ma il finale era un vero casino.
«Ho perso la ruota di Van Lerberghe ma sono riuscito a rientrare sulla ruota giusta per lanciarmi. È una bella vittoria per tutti.
«Per me è stata anche strana, perchè già ieri sull'aereo molti corridori stavano festeggiando la fine del Giro. Io invece sono rimasto concentrato e ho raggiunto il mio obiettivo.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande