Home | Sport | Golf | Ryder Cup 2023: Edoardo Molinari vicecapitano del Team Europe

Ryder Cup 2023: Edoardo Molinari vicecapitano del Team Europe

Il torinese entra a far parte della squadra continentale verso la sfida agli USA, in programma al Marco Simone Golf & Country Club di Guidonia Montecelio

image

Thomas Bjorn, Henrik Stenson e Edoardo Molinari.
 
Sarà una Ryder Cup a forti tinte azzurre quella che nel 2023, e per la prima volta in Italia, si giocherà al Marco Simone Golf & Country Club di Guidonia Montecelio (Roma) nella settimana dal 25 settembre al 1° ottobre del 2023.
Edoardo Molinari è stato infatti nominato da Henrik Stenson come secondo vicecapitano del Team Europe.
Queste le dichiarazioni di Edoardo Molinari in conferenza stampa al Marco Simone Golf & Country Club. Fratello maggiore di Francesco, 41 anni, con lui ha giocato e vinto la Ryder Cup del 2010 al Celtic Manor Resort in Galles.
Era dal 1963, da quando Bernard e Geoffrey Hunt fecero parte del Team Great Britain & Ireland (dal 1979 ci fu poi l’apertura anche ai giocatori dell’Europa Continentale), che due fratelli non scendevano in campo uno al fianco dell’altro per affrontare gli Stati Uniti d’America.
Insieme hanno anche vinto la World Cup del 2009 in Cina, regalando la prima Coppa del Mondo all’Italia.
 
«Sono felice, onorato e orgoglioso per questa nomina, un sogno che ora si è trasformato in realtà. Quella di Stenson è stata una chiamata inaspettata, abbiamo parlato di statistiche e di cosa potessi fare per aiutare la squadra. E poi è arrivato questo incarico.
«Conosco Henrik e sono certo che non lascerà nulla al caso. È una persona amichevole, sorridente e competente. Sono certo che creerà un’atmosfera fantastica all’interno del team.
Faremo tutto il possibile per vincere la Ryder Cup e potremo contare sul supporto dei tifosi italiani ed europei, che rappresenterà un valore aggiunto.
Roma è una città fantastica, una delle mie preferite al mondo. Ci aspetta un evento incredibile e non vedo l’ora che la sfida abbia inizio”.
 
Così, invece, il capitano del Team Europe Henrik Stenson che in mattinata, insieme al suo staff ha studiato da vicino il percorso di gara formato Match Play.
«Sono lieto di dare il benvenuto a Edoardo nella mia squadra. Lo conosco da tempo, è un giocatore affidabile ed esperto di Ryder Cup.
«Adora le statistiche e lavora da tempo con giocatori che, potenzialmente, hanno le caratteristiche per far parte di questo team.
«Gli ho domandato se avesse voluto farmi l’onore di entrare nel Team Europe come vicecapitano e sono davvero felice di averlo al mio fianco.
«Oltretutto, è nato e cresciuto in Italia e sono certo che per lui la sfida del 2023 agli USA rappresenterà davvero un evento speciale.
«Con lui e Bjørn avremo modo di affrontare ogni aspetto.»
 
Edoardo Molinari vanta 356 presenze sul DP World Tour, dove ha vinto tre volte: nel 2010 ha prima conquistato lo Scottish Open e poi il Johnnie Walker Championship.
Nel 2017 ha calato il tris facendo suo il Trophée Hassan II.
Ma il torinese ha collezionato anche cinque successi sul Challenge Tour e uno sul Japan Tour dopo una brillante carriera da amateur culminata con l’affermazione nel 2005 allo U.S. Amateur Championship.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande