Home | Sport | Olimpiadi invernali | Giochi Olimpici 2026: la mobilità sostenibile fattore essenziale

Giochi Olimpici 2026: la mobilità sostenibile fattore essenziale

Nei giorni scorsi in Val Pusteria si è tenuto un incontro tra rappresentanti del CIO, della Provincia e del Comitato Biathlon Anterselva

I Giochi Olimpici Invernali di Milano Cortina 2026, che si terranno nel febbraio 2026, saranno caratterizzati dall'impegno per la sostenibilità.
Questo aspetto riguarda in particolare la mobilità degli atleti olimpici e paralimpici, dei loro accompagnatori, dei rappresentanti ufficiali, di tutto il personale e dei tifosi che faranno la spola tra le sedi delle gare a Milano, Cortina e Anterselva. Il maggior numero possibile di spostamenti dovrebbe quindi essere fatto con il trasporto pubblico - e principalmente con la ferrovia - ha sottolineato l'assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider.
 
Per prepararsi al meglio ai Giochi e per farsi un'idea dei compiti che devono ancora essere svolti, Lorenzo Graziani, responsabile «Games Services» del CIO e Stefano Manelli, responsabile della mobilità presso la fondazione  Milano Cortina 2026, hanno incontrato gli esperti locali di mobilità Martin Vallazza (direttore della ripartizione alla mobilità della Provincia di Bolzano), Joachim Dejaco (direttore generale della STA - Strutture Trasporto Alto Adige SpA), Patrick Dejaco (STA) e i rappresentanti del comitato organizzatore del Biathlon Anterselva, Lorenz Leitgeb ed Erika Pallhuber.
«Il nostro obiettivo è quello di conciliare le esigenze degli ospiti olimpici e paralimpici quelle degli altoatesini che, come sempre, si recano al lavoro o a scuola in treno o in autobus durante i giorni della competizione», – afferma Martin Vallazza.
 
L'esperienza già acquisita ad Anterselva durante i campionati mondiali di biathlon del 2020 e le gare di Coppa del Mondo aiuterà nella pianificazione di questa sfida logistica.
«Come durante i campionati mondiali, non più di 19.000 persone - tra atleti, personale di supporto, rappresentanti ufficiali, giornalisti e tifosi - saranno presenti ad Anterselva in un giorno di gara.
«Quindi possiamo già basarci su un'importante esperienza per quanto riguarda la mobilità garantita ad un gruppo così numeroso di persone», – spiega Vallazza. Naturalmente, il compito ora è quello di rendere le strutture di mobilità pronte per le Olimpiadi entro il 2026, anche per facilitare gli spostamenti tra le singole sedi.
 
Il principio della sostenibilità si applica anche qui.
«Se pensiamo alla Variante Val di Riga, per esempio, i Giochi invernali daranno un'ulteriore spinta alla realizzazione di questo progetto.
«A lungo termine, tutti gli altoatesini beneficeranno se in futuro si risparmieranno circa 15 minuti nel tragitto da Bolzano a Brunico.
«Anche se l'ingresso della Valle di Anterselva viene ricostruito, questo non è un investimento a breve termine, ma una struttura permanente», – ha dichiarato Joachim Dejaco.
Si tratta ora di sviluppare concetti per una mobilità funzionante insieme ai rappresentanti della fondazione Milano Cortina 2026 e delle altre sedi, in modo che le Olimpiadi invernali diventino una vera esperienza per tutti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande