Home | Sport | Olimpiadi invernali | Il Cio in sopralluogo ai trampolini di Predazzo

Il Cio in sopralluogo ai trampolini di Predazzo

La Provincia autonoma e il Comune di Predazzo soddisfatti – Il bando entro l’estate

Una delegazione del Cio (Comitato Olimpico Internazionale) ha fatto visita alle strutture della val di Fiemme che serviranno allo svolgimento delle gare Olimpiche in Trentino durante i Giochi invernali del 2026.
I rappresentanti del Cio hanno preso visione del progetto di adeguamento dei trampolini per il salto di Predazzo e hanno espresso soddisfazione per la loro impostazione.
In particolare è stato apprezzato il fatto che i lavori previsti, una volta completati, renderanno le strutture di Predazzo adeguate ai più moderni standard Olimpici.
 
I lavori ai trampolini del salto di Predazzo erano comunque necessari, indipendentemente dai Giochi Olimpici, visto che le strutture, realizzate ormai 30 anni fa, richiedevano di essere sottoposti a manutenzione straordinaria.
Soddisfatti per l’esito della visita del Cio la Provincia autonoma e il Comune di Predazzo. Il progetto di adeguamento delle strutture, sottolineano l’assessore allo sport della Provincia autonoma e il sindaco di Predazzo, è stato concordato con il Cio e la Federazione sportiva cui fa riferimento l'attività del salto dal trampolino e approvato dal Consiglio comunale, e ha quindi preso atto di alcune esigenze emerse proprio a seguito del confronto con Cio e Federazione sportiva.
 
In particolare, proprio al fine di adeguare le strutture agli attuali standard Olimpici e renderli maggiormente adatti alle competizioni, sono emerse le necessità di aggiornare alcuni elementi come la collocazione della torre dei giudici, per renderla maggiormente idonea alla valutazione delle competizioni, e il rifacimento del servizio per trasferire gli atleti in quota.
Inoltre i trampolini vanno allungati per renderli adatti alle performance attuali degli atleti e far sì che siano valide anche per il futuro, quindi dopo le Olimpiadi del 2026.

I lavori, sottolinea la Provincia autonoma, sono conseguenza della necessità di operare la manutenzione straordinaria a strutture ormai datate e di adeguarle agli standard Olimpici.
Sul fronte dei tempi, la Provincia autonoma sottolinea come si stia procedendo secondo cronoprogramma con la prospettiva di bandire l'appalto durante l’estate.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande