Home | Sport | Sport in Trentino | La 6ª edizione di Garda Trentino Trail record con 1.300 al via

La 6ª edizione di Garda Trentino Trail record con 1.300 al via

Sabato 15 maggio torna la gara dei tre laghi di Garda, Ledro e Tenno

Saranno i tre laghi di Garda, Ledro e Tenno ad ospitare la sesta edizione di GTT il primo grande evento outdoor del Trentino e tra i primi in Italia: sabato prossimo Garda Trentino Trail vedrà al via 1.300 concorrenti di 24 nazioni con partenza ed arrivo ad Arco e con impegnati alcuni grandi interpreti internazionali della specialità a cominciare dal tedesco Moritz auf der Heide e dall’altoatesino Daniel Jung, considerati alla stregua di Maradona e Messi del trail internazionale.
Quattro le distanze previste: 62Km per la Garda Trentino Trail, 39 Km Ledro Trail (che partirà dalle rive dell’omonimo lago), 27Km Tenno Trail e 11Km Garda Trentino Run.
Si gareggerà anche sulla neve nei tratti in quota a Bocca Saval e al Rifugio pernici, spartiacque tra Ledro e il Garda.
 
GTT rappresenta anche l’apertura ufficiale della stagione turistica sul Garda Trentino dopo lo stop forzato delle attività a Pasqua.
Oggi la tradizionale presentazione ufficiale nella centrale Piazza III Novembre presenti altre al padrone di casa Matteo Paternostro (Presidente di GTT) il sindaco Alessandro Betta, il presidente dell’Apt Garda Trentino Marco Benedetti, il presidente della Fidal Trentino Dino Parise, gli assessori al Turismo & Sport Luca Zendri (Ledro) e Dario Ioppi (Arco).
 
«La sesta edizione di Garda Trentino Trail è resa possibile dal grande lavoro organizzativo dei nostri volontari – ha esordito Paternostro – e dalla grande disponibilità mostrata nei nostri confronti dalla Provincia autonoma, in particolare dall’assessorato al Turismo, dai Comuni di Arco, Riva del Garda, Tenno e Ledro, dall’APT e dalle associazioni del territorio.
«L’edizione 2020 disputata a settembre è stata una sfida vinta alla grande e ci ha permesso di accumulare una grande esperienza nell’applicazione dei protocolli di sicurezza sanitaria.
«Dobbiamo dire grazie alla Fidal il cui lavoro propedeutico si concretizza quest’anno nel ritorno della nostra gara alla tradizionale collocazione temporale di metà maggio e di poter schierare 1.300 partenti in tutta sicurezza.
«Il tracciato si presenta in condizioni spettacolari e con la neve in quota a rendere ancora più affascinante la sfida nelle due prove di 62 Km e 39 Km.
«Grazie a chi ci aiuta in questo complicato momento e oltre alle realtà pubbliche rivolgo un ringraziamento a Hoka One One e Wild Tee che ormai da anni ci supportano.»
 
E per Parise GTT indica la strada per tornare ad una nuova normalità nell’atletica. Per tornare ad organizzare ci vuole tanto coraggio e tanta passione. Abbiamo bisogno di società come GTT che siano di stimolo per tutto il movimento dell’atletica in Trentino.
«Una ennesima prova di grande coraggio, che ci consente di tornare alla normalità ovvero capire che si può convivere con il Covid» è stato il commento di Betta.
 
Per Benedetti «l’orgoglio mostrato dagli organizzatori fa onore all’intero nostro ambito che in GTT vede di fatto l’apertura ufficiale della stagione turistica.
«Un non plus ultra per tutti noi anche perché i tracciati di GTT di fatto anticipano la nuova APT Garda Dolomiti che dal primo di giugno legherà proprio il Garda con Ledro e Comano Terme.»
Un tema caro a Zendri, entusiasta dall’opportunità di far partire la frazione di Ledro proprio in riva al lago delle Palafitte.
«Gtt ci permette di mostrare il nostro grande patrimonio ambientale esteso su 156Kmq e dove grazie all’Outdoor Park i nostri ospiti possono praticare attività fisico sportiva, non solo agonistica, in un territorio di natura incontaminata che parte dei 600 metri ed arriva a 2.000 metri di quota, con le creste che permettono si spaziare dalle Alpi agli Appennini. Ledro è sinonimo di sport e natura.»
 
Per Ioppi «siamo di fronte ad un lavoro organizzativo egregio che concretizza la voglia di ripartenza. GTT impersona quindi il ritorno alla quotidianità. A tutti rivolgo un sentito in bocca al lupo.»
Rispetto alla fortunata edizione 2020 - che ha proposto le vittorie assolute del comasco Manuel Bonardi e dell’altoatesina Julia Kessler – GTT di quest’anno manterrà partenze ed arrivi ad Arco, spostando però il quartiere logistico da viale delle Palme a Piazzale Segantini, proprio nel cuore della città.
 
 I percorsi  
Tutto pronto dunque per un sabato di grande sport che si aprirà già alle 7.00 di mattina con la partenza del Garda Trentino Trail che in 62 chilometri (3.800 metri di dislivello) condurrà i protagonisti a risalire il sentiero della Ponale per approdare in Valle di Ledro, toccare il sito archeologico delle Palafitte di Molina e raggiungere quindi i 1.600 metri di quota del Sentiero della Pace che sarà percorso tra Bocca Dromaè ed il Rifugio Nino Pernici gestito da Marco De Guelmi, da sempre vicino alla manifestazione.
Quindi la lunga picchiata verso il Lago di Tenno e la successiva risalita sul Monte Calino da cui si proseguirà a bocca di Tovo per scendere quindi ad Arco e raggiungere così il traguardo in piazzale Segantini.
 
Tre ore più tardi, alle 10.00, scatterà il Tenno Trail che sulla distanza di 27 chilometri vedrà l’immediata risalita verso i borghi medievali di Tenno per inserirsi all’altezza di Ville del Monte sul tracciato maggiore.
Mezz'ora più tardi (10.30), sempre da Arco, sarà la volta della Garda Trentino Run, che dopo l'ottimo debutto dello scorso settembre torna con i suoi 11 chilometri e 600 metri di dislivello che condurranno verso il Monte Colodri per collegarsi quindi con gli altri tracciati appena a valle dell’abitato di Padaro e percorrere le placche del Monte Baone fino al traguardo.
 
L'ultimo start di giornata, alle 11.30, sarà quello del Ledro Trail di 39 chilometri (2.500 metri di dislivello): dal lungo lago a Pieve gli atleti raggiungeranno Mezzolago per risalire quindi verso Bocca Saval e Rifugio Pernici ed inserirsi sul tracciato principale fino ad Arco.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni