Home | Sport | Sport in Trentino | Alla «Latemar» dell’11 settembre ci sarà anche una novità

Alla «Latemar» dell’11 settembre ci sarà anche una novità

La Latemar Mountain Race raddoppia: all'esordio la Latemar Trail Experience

image

>
La Latemar Mountain Race, competizione di corsa in quota immersa nelle Dolomiti trentine, che per la quarta volta tornerà in Val di Fiemme domenica 11 settembre, ha deciso di raddoppiare la propria proposta sportiva.
Oltre alla spettacolare sfida di 25 km e 1.680 metri di dislivello con passaggi al Monte Cornon, Monte Agnello, al rifugio Torre di Pisa e alla Forcella dei Camosci, valida come ultima prova del circuito La Sportiva Mountain Running Cup, gli organizzatori dell’Us Cornacci hanno deciso di lanciare una variante su percorso ridotto.
La denominazione del nuovo evento è Latemar Trail Experience, ha uno sviluppo di 15 km e un dislivello positivo di 730 metri.
L’orario di partenza e parte del percorso della sfida light sono identici alla lunga, ad esclusione dei transiti sul Monte Cornon, in cima al Monte Agnello e in quota alla catena del gruppo del Latemar.
 
Un’opportunità da non lasciarsi sfuggire, dunque, per gli appassionati di gare a fil di cielo, che potranno scegliere se affrontare il tracciato altamente spettacolare e tecnicamente più impegnativo, oppure se gestire le proprie energie gareggiando in un contesto paesaggistico affascinante, ma con un dislivello metrico inferiore.
Valori aggiunti della manifestazione sono sicuramente i paesaggi incantevoli inseriti nel carosello sciistico dello Ski Center Latemar, dove si svolge la sfida con partenza e arrivo a Pampeago, e il transito nei pressi del Latemarium, il famoso sentiero tematico 22, che coniuga arte e divertimento in quota.

Grazie alla sua storia e alla validità come ultimo atto del prestigioso circuito, coordinato dall’azienda fiemmese specializzata nell’universo outdoor, saranno in gara atleti di assoluto livello come il leader della classifica e vincitore della Vigolana The Race, il ruandese Jean Baptiste Simukeka e come i due atleti di casa Stefano Gardener e Daniele Felicetti.
Il focus per gli skyrunner di prima fascia è quello di centrare il podio, ma pure di battere i record della manifestazione, che appartengono al lecchese di Piani Resinelli Daniel Antonioli (2h18’50” nel 2020) e alla valtellinese di Morbegno Alice Gaggi, che lo scorso anno fermò il cronometro sul tempo di 2h52’49”.
 
Il programma del fine settimana di corsa in quota nel comprensorio sciistico dello Ski Center Latemar prevede sabato dalle 14 alle 18 la consegna dei pettorali presso l’ufficio gare in località Pampeago, quindi domenica identiche operazioni dalle 7 alle 8 e alle 8,30 il briefing tecnico.
Lo start di entrambe le sfide sarà dato alle 9, quindi alle 12.30 pasta party per tutti e a seguire le premiazioni.
Le iscrizioni sono ancora aperte e si inviano attraverso il sito www.latemarun.com/iscrizioni. Per la Mountain Race la quota fino al 3 settembre è fissata a 35 euro, dal 4 al 9 settembre aumenterà a 40 euro.

Per quanto riguarda invece la Trail Experience, fino al 3 settembre tariffa fissata a 25 euro, fino al 9 settembre aumentata a 30 euro.
Costo maggiorato per chi si iscrive direttamente sul campo gara.
Proprio grazie al fatto che gran parte dell'evento si sviluppa nel comprensorio invernale Ski Center Latemar, il giorno della gara sono attive le seggiovie Agnello, Latemar e sul versante di Predazzo Gardonè e Passo Feudo.
Si tratta di una straordinaria opportunità per seguire la gara in quota e fare il tifo ai corridori del cielo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande