Home | Sport | Sport in Trentino | Conclusa la 11ª edizione della Motodolomitica

Conclusa la 11ª edizione della Motodolomitica

La Scuderia Trentina Storica ha organizzato la scalata ai passi dolomitici con moto d’epoca costruite entro il 1999

image

>
La Gilera Gran Sport del 1930, la moto più anziana, ha scalato senza alcun problema i quattro passi Dolomitici che hanno caratterizzato il percorso dell’11ª edizione della Motodolomitica, manifestazione turistico culturale aperta a moto fino al 1999.
Le salite ai passi Costalunga, San Pellegrino, Valles e Manghen hanno messo a dura prova anche gli altri equipaggi provenienti da tutto il Nord Italia, aiutati dalla benedizione elargita dal sacerdote del Santuario di Pietralba, e che sono giunte al termine della seconda tappa al Ristorante Prime Rose di Levico con tanti chilometri nelle ruote ma con grande soddisfazione per l’impresa effettuata.
Paesaggi mozzafiato e strade ideali per le motociclette, hanno permesso di annoverare questa edizione tra le più apprezzate delle undici effettuate.
 

 
La partenza è stata sabato 31 agosto, da Piazza Fiera a Trento ed ha visto allo start ben 43 motociclisti alla volta dei 160 chilometri della prima tappa che ha fatto transitare la carovana di motociclette attraverso la Strada del Vino e dei Sapori delle pendici collinari e del fondovalle della Piana Rotaliana per poi salire al Santuario di Pietralba, il più alto d’Europa con i suoi 1.520 m/slm, per il pranzo e la benedizione dei mezzi e dei partecipanti.
Nel primo pomeriggio la carovana ha proseguito per il Lago di Carezza e il Passo di Costalunga prima della discesa in Val di Fassa per la sosta al Museo Ladino a San Giovanni di Fassa, interessante momento culturale a contorno della gita turistica.
Dopo la scalata ai passi San Pellegrino e Valles, la giornata si è conclusa con la cena ed il meritato riposo all’Hotel Touring di Predazzo.
 

 
Domenica 1 settembre, sempre da Predazzo, la carovana ha preso le mosse per la seconda tappa di 90 km.
Dopo la pausa caffè ai 2.047 m/slm di Passo Manghen, una sosta al Museo degli Spaventapasseri a Marter, la manifestazione è terminata con il pranzo vista lago al Ristorante Prime Rose di Levico Terme.
Agli equipaggi dei soci della Scuderia Trentina Storica e dei Motoclub locali quali il Moto Club Trento o il Moto Club C3 Excelsior di Borgo Valsugana, hanno fatto compagnia numerosi appassionati appartenenti a motoclub lombardi, emiliani, veneti e di altre regioni italiane e della Repubblica di San Marino.
Particolarmente numeroso il gruppo della Compagnia di Rocca San Casciano, con il quale la Scuderia Trentina Storica ha intrapreso un rapporto di gemellaggio con reciproca partecipazione alle manifestazioni.
 

 
Prestigioso il parco moto presente. Cinquant’anni di storia motociclistica sono stati rappresentati dalle moto presenti con pezzi di sicuro valore.
Assieme al Gilera Gran Sport del 1930, vanno annoverate la Gilera Saturno del 1946, la Moto Guzzi GTV del 1947 proveniente da Torino e condotta dal Vice Presidente del Veteran Car Club di Torino, Massimo Lazzaro.
Numerose le Moto Guzzi, Moto Morini e diverse moto giapponesi. A tutti i partecipanti è stato consegnato un ricordo della manifestazione. 
 

 
Alle premiazioni, oltre al Delegato Nazionale manifestazioni Moto dell’ASI Giuseppe Nacci, era presente il Consigliere Federale ASI Riccardo Zavatti che assieme al presidente della Scuderia Trentina Storica Giuseppe Gorfer hanno consegnato i riconoscimenti ai partecipanti.
Tra questi un encomio particolare è andato a Rinaldo Detassis su Moto Guzzi Falcone Sport del 1953, concorrente «più storico», immortalato e premiato assieme a Marco Campolongo su Malaguti Fifty 50 del 1989 che con i suoi 14 anni è stato il più giovane partecipante di sempre.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni