Home | Sport | Sport invernali | Gran fondo Val Casies 2021: sci al chiodo, decisione obbligata

Gran fondo Val Casies 2021: sci al chiodo, decisione obbligata

Prorogato lo stato di emergenza in Alto Adige, niente gara. Il perdurare della delicata situazione dovuta al Covid-19 detta legge Comitato obbligato alla scelta

image

>
Lo slogan principale della Gran Fondo Val Casies è «One idea, one vision, many emotions», però quello imperante e rafforzativo è 37 edizioni senza mai una cancellazione.
Ma davanti al perseverare di una pandemia aggressiva più del previsto, anche il determinato e coriaceo comitato organizzatore della famosa granfondo altoatesina si deve arrendere: l’edizione 2021 inizialmente in calendario il 20 e 21 febbraio, poi spostata al 6 e 7 marzo, è stata definitivamente annullata.

La Provincia di Bolzano ha prolungato il «lockdown» e anche se, forse, si fosse potuto proporre la gara ai soli professionisti, sarebbe venuta meno la mission che vuole la Gran Fondo Val Casies quale autentica festa dello sci di fondo per tutti, soprattutto per quella miriade di appassionati fondisti che arrivano da tutt’Italia e da tutto il mondo.
La pista sarebbe in condizioni ideali per ospitare la gara, la grande quantità di neve consente ancora di sciare liberamente.

La macchina organizzativa non si è mai fermata ed anzi, aveva affinato anche i più piccoli particolari per regalare un evento in tutta sicurezza, ma le norme vanno rispettate, così il direttivo riunitosi ieri sera non ha potuto fare altro che prendere atto delle disposizioni che per limitare il contagio del virus obbligano giocoforza alla resa.
Per gli iscritti nessun problema, chi ha versato la quota può richiedere la restituzione integrale della tassa di iscrizione oppure mantenerla valida per l’edizione 2022.

Insomma la situazione è ancora delicata, si spera che i sacrifici di adesso possano portare ad un miglioramento concreto in generale. La Val Casies è bella in tutte le stagioni, per chi ama lo sport outdoor e la vita tranquilla all’aria aperta è un luogo assolutamente suggestivo.
L’invito è di visitarla anche d’estate per conoscerla meglio d’inverno, il motto rimane sempre «One idea, one vision, many emotions».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni