Home | Sport | Sport invernali | Skialp, tre podi trentini nell'Individual di Campiglio

Skialp, tre podi trentini nell'Individual di Campiglio

Davide Magnini, Matteo Eydallin e Nadir Maguet ii tre protagonisti della Individual

image

Magnini, Eydallin e Maguet ii tre protagonisti della Individual.
 
È arrivata all’ultimo respiro, ma proprio per questo la soddisfazione è doppia.
Robert Antonioli sul traguardo di Madonna di Campiglio, nell’ultimo atto della tre giorni delle Finali della Coppa del Mondo di skialp, giunge sesto nella gara individual, ma si aggiudica la sua quarta sfera di cristallo, la terza consecutiva.
Per il trentenne di Valfurva quella del 28 marzo è dunque una data da cerchiare in rosso, non solo perché lo incorona fra i più grandi skialper della storia, ma pure perché coincide con il compleanno della mamma Michela, alla quale l’alfiere del Centro Sportivo Esercito ha dedicato la sua quarta sfera di cristallo.
In chiave trentina sono arrivati tre podi di gara con Davide Magnini secondo senior, Lisa Moreschini seconda under 20 e Giorgia Felicetti terza under 23, quindi 3 podi nella generale di Coppa del Mondo e altri tre podi nella coppetta di specialità con gli stessi protagonisti.
 
È stata una giornata da incorniciare per l’Italia anche perché a trionfare, al termine dei 13,5 km con un dislivello di 1670 metri con tre salite e altrettante discese, tracciate sui versanti del Monte Spinale, è stato il piemontese Matteo Eydallin, che ha concluso con il tempo di 1h23’36”, precedendo di 52 secondi il trentino di Vermiglio Davide Magnini, mentre la sfida per il terzo gradino del podio si è risolta addirittura allo sprint con il valdostano Nadir Maguet, capace di precedere il valtellinese Michele Boscacci.
Un poker tutto italiano, come era prevedibile, nella competizione individual.
A spezzare l’egemonia azzurra ci ha pensato il francese William Bon Mardion, che è di casa a Madonna di Campiglio, visto che ha vinto ben 4 volte la Ski Alp Race Dolomiti di Brenta, ed in questa occasione è giunto quinto a 3’39” dal vincitore.
 
Sesto appunto Robert Antonioli, che nella gara trentina doveva soprattutto gestirsi per arrivare davanti al rivale della generale, il francese Thibault Anselmet.
Prima dell’ultimo atto i due erano separati da due soli punti in classifica, ma il valtellinese non si è comunque risparmiato ed ha fatto la sua gara, mentre il transalpino è crollato giungendo solamente ventesimo.
La gara senior è vissuta sulla sfida fra Eydallin e Magnini, che hanno battagliato per gran parte del percorso, poi però il solandro ha perso tempo nei due cambi sul Monte Spinale e a valle, perdendo una trentina di secondi che poi sono risultati irrecuperabili.
Così l’esperto skialper di Salice d’Ulzio è riuscito a tagliare il traguardo in solitaria, aggiudicandosi anche la coppetta di specialità, proprio davanti a Magnini.
Primo under 23, sullo stesso percorso, è risultato anche in questa occasione il bormino Andrea Prandi, che ha staccato notevolmente il tedesco David Sambale e il premanese Mirko Sanelli.
 
La sfida femminile, con uno sviluppo di 12 km e un dislivello di 1458 metri, è stata appannaggio dell’esperta francese Axelle Gachet Mollaret, che ha chiuso con il tempo di 1h33’23”, precedendo di soli 24 secondi la bellunese Alba De Silvestro, autrice di una prestazione di assoluto livello, quindi terza la svedese, ex orientista, Tove Alexandersson, quarta la friulana Mara Martini e quinta Giulia Murada.
La valtellinese di Albosaggia è pure risultata la prima under 23, davanti alla francese Marie Pollet Villard e alla fassana Giorgia Felicetti.
Infine nella categoria under 20 maschile (stesso tracciato delle senior) affermazione austriaca di Paul Verbnjak, sullo spagnolo Albert Perez Angles e sull’altro austriaco Andreas Mayer, con l’azzurro Alessandro Rossi quarto.
 
Nella sfida al femminile, su un percorso di 7,8 km e un dislivello di 900 metri, grande battaglia in casa Italia fra la valtellinese Samantha Bertolina e la trentina della Val di Pejo Lisa Moreschini.
La portacolori del Monte Giner è stata in testa per più di metà gara, perdendo però troppo tempo ai cambi assetto e chiudendo sul traguardo con 14 secondi di ritardo dall’amica rivale, che conquista la Coppa del Mondo generale e di specialità.
Non ha partecipato all’ultima gara individual la squadra Svizzera, squalificata alla vigilia dell’ultimo atto dall’Ismf per mancata osservanza del protocollo anti Covid-19.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande