Home | Sport | Sport invernali | Alpe Cimbra: si scia già da venerdì prossimo 3 dicembre

Alpe Cimbra: si scia già da venerdì prossimo 3 dicembre

Avviati i ristori, aumentati gli standard di sicurezza anti Covid, confermate la nazionale Usa e tante gare internazionali

La neve è arrivata e il freddo degli ultimi giorni ha consentito di accendere il sistema di innevamento che, sull’Alpe Cimbra, è particolarmente capillare ed efficiente: oltre 280 generatori in funzione per una rete che consente una regolare produzione di neve.
Questione di ore, dunque: venerdì prossimo, 3 dicembre, inizia la stagione invernale 2021-2022. Si parte subito con un’ampia offerta: la quarantina di chilometri nella parte alta della skiarea e, già dai primi giorni della prossima settimana, si apriranno anche le altre piste su cui stanno lavorando senza sosta i tecnici dell'innevamento e i battipista.
Per sciare sull'Alpe Cimbra, a oggi, le regole nazionali non prevedono l'utilizzo del certificato verde, visto che qui non ci sono impianti chiusi o seggiovie con la cupola richiudibile.
 
La Folgariaski sta monitorando l’evolversi della situazione normativa ed è comunque pronta ad applicare tutte le indicazioni che sono previste oggi, ma anche quelle che potranno essere introdotte nel corso della stagione. L’amministratore delegato Alessandro Casti aveva auspicato di applicare l’indicazione di esibire comunque il Green pass ma, fatte le opportune verifiche, è emerso che una tale decisione non può essere adottata dall'Azienda: serve un pronunciamento dello Stato o della Provincia.
Resta tuttavia chiaro l’indirizzo della Folgariaski e la spiega lo stesso Casti: «Sottolineo l'importanza sempre più evidente di vaccinarsi. Al netto di qualsiasi posizione ideologica, quello che parla sono i numeri e, soprattutto chi vive di turismo e di terziario, sa come eravamo messi l'anno scorso nello stesso periodo e come, invece, è la situazione di oggi. Abbiamo tutti bisogno di continuità. Siamo noi gli artefici del nostro futuro e dobbiamo adottare comportamenti responsabili».
 
Nel frattempo la skiarea ha alzato gli standard di sicurezza anti contagio con casse automatiche, piattaforma digitale per gli acquisti online degli skipass, organizzazione del personale per limitare le possibilità di assembramento.
Si sono inoltre chiuse le procedure, sulla piattaforma online del Ministero, per presentare le richieste di ristoro. «È auspicabile – afferma ancora Casti – che da qui in poi l’iter sia rapido».
Sul fronte manifestazioni e agonismo, oltre ai consolidati rapporti coi club di riferimento che hanno già pianificato gli allenamenti tra Lavarone e Folgaria, anche quest’anno la Nazionale americana ha confermato la sua presenza per preparare le gare di Coppa del Mondo e le Olimpiadi. Confermata anche la Fis Children cup a gennaio (ex Topolino) e gare di livello nazionale e internazionale.
 
Attenzione particolare, poi, allo sci nordico che nelle stagioni pre Pandemia aveva fatto segnare tendenze interessanti; stesso discorso per sleddog, ciaspole e per tutto il mondo «outdoor»: oggetto di importanti iniziative con l’Apt e gli operatori del territorio.
«Questo sarà sicuramente un anno di transizione, si riparte con entusiasmo da dove eravamo rimasti» conclude Casti. «L’esito della stagione permetterà di interrogarsi, nei mesi successivi, sul futuro della skiarea e della società che, prima del Covid, stava ragionando su molti fronti in relazione a piani di investimento per migliorare la sua offerta invernale ed estiva» aggiunge il presidente Denis Rech.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande