Home | Sport | Sport invernali | Sofia Goggia concede il bis in Coppa del Mondo

Sofia Goggia concede il bis in Coppa del Mondo

Vince anche la seconda discesa sul tracciato Canadese di Lake Luise

image

>
Sofia Goggia sbanca Lake Luise. L'olimpionica di PyeongChang 2018 ha messo il suo sigillo anche nella seconda gara di Discesa in Coppa del Mondo.
Sul tracciato canadese Sofia ha ancora una volta dimostrato la sua grande capacità tecnica chiudendo la gara con il tempo 1:48.42 lasciando al secondo posto la statunitense Breezy Johnson con un distacco di 84 centesimi, terza la svizzera Corinne Suter con +98.
I successi di Sofia Goggia nelle due discese di Coppa del mondo a Lake Louise permettono all’Italia di toccare quota 103 successi nella storia dello sci alpino femminile.
La bergamasca delle Fiamme Gialle aggiorna il suo curriculum con 13 trionfi (35 podi) e consolida il quarto posto nella classifica all time dietro al duo Compagnoni/Brignone (16 vittorie) e la Kostner (15).
Bella prova per Nadia Delago che ha concluso la gara sesta mentre Federica Brignone si è classificata al 10° posto.
 
Le parole di Sofia Goggia dopo la vittoria nella seconda discesa di Lake Louise.
«È stata una gara disputata in condizioni totalmente diverse rispetto a venerdì.
«La pista era forse più bella perché è stata ben lisciata, ma con una visibilità del genere era più difficile leggere il terreno. Infatti già alla terza curva non sono riuscita a tirarla bene, tanto che qualche decimo l’ho lasciato per strada, poi ho controllato altre porte per non commettere errori. Sono stata brava da metà in giù.
«È la mia sesta vittoria consecutiva in discesa con l’infortunio di Garmisch in mezzo, sono molto contenta soprattutto perché Lake Louise non è un tracciato che si addice così tanto alle mie caratteristiche, ma quest’anno è un po’ più mossa.»

«Non mi aspettavo due risultati del genere alla vigilia, mi sentivo sicuramente fra le candidate alla vittoria ma non così tanto. A Copper in allenamento facevo fatica, tuttavia quando c’è da tirare le curve in questa maniera sono brava.
«Adesso parte la sfida al supergigante, perché il vero passo verso l’alto sta in quella disciplina, ho già dimostrato in passato di avere vinto due discese consecutive e poi essermi perduta in supergigante come a Val d’isère, St. Anton e Crans Montana.
«Diciamo che è la mia nuova sfida, sto consolidando la mia capacità, i distacchi rifilati in questi due giorni sono tanti, però mi aspetto che le avversarie crescano, ad ogni gara si riparte da zero.»
 
Con dieci vittorie in discesa, Sofia è a soli due trionfi da Isolde Kostner.
«Non faccio paragoni di questo tipo, apparteniamo a due generazioni diverse. Cerco semplicemente di dare il mio meglio in ogni situazione, i conti li faremo a fine carriera.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande