Home | Sport | Sport invernali | Sessant’anni di emozioni: lo sci nordico della Val di Fiemme

Sessant’anni di emozioni: lo sci nordico della Val di Fiemme

I campioni della valle di Fiemme riuniti nella cena storica a Predazzo. Sul tavolo 12 medaglie olimpiche e 14 mondiali, un medagliere da brividi

Due campioni Mondiali, tre Olimpici, in totale sette atleti capaci di proiettare il Trentino e l’Italia ai vertici internazionale.
E collocare la valle di Fiemme (20km di lunghezza e 20.000 abitanti) tra le grandi potenze del fondo. Ieri sera hanno animato la cena conviviale ospitata Maso Lena, a Predazzo, per la prima volta riuniti tutti assieme in una sorta di Cena dei Campioni: ovvero un tributo a Franco Nones (presente con la moglie Inge), Giorgio (con Paola) e Bice Vanzetta, Cristian Zorzi (con Verusca e il figlio Harald), Willy Deflorian (in rappresentante del padre Giulio morto nove anni fa), Antonella Confortola e Cristina Paluselli, ma anche allo storico Ct Pollicino Alessandro Vanoi e al tecnico Dario D’Incal.
Con loro una ventina di amici che hanno accompagnato la carriera del giornalista Diego Decarli, ideatore e promotore dell’evento con la Figlia Bianca Maria (Nicer Communication).

Tra questi l’assessore dello Sport e Turismo del Trentino Roberto Failoni, Bruno Felicetti e Piero De Godenz (C.O. Mondiali Valle di Fiemme), il responsabile del TGR Rai di Trento Massimo Mazzalai con l’inviato Gianfranco Benincasa, il direttore del Trentino Paolo Mantovan e il caporedattore della redazione Sport de L’Adige Guido Pasqualini, il presidente e il direttore dell’Apt Fiemme Renato Dellagiacoma e Giancarlo Cescatti, il segretario generale dell’Universiade invernale Trentino 2013 Filippo Bazzanella, l’esperto manager turistico Mauro Mazzola e Daniele Panato, figlio del compianto fotografo sportivo Dino Panato.
Si è brindato ad Abate Nero Trento Doc offerto da Roberta Lunelli e Roberto Sebastiani.
 
Sul tavolo la bellezza di 26 medaglie: 12 vinte alle Olimpiadi invernali (3-2-7) e 14 ai Campionati del Mondo di sci nordico FIS (2-7-5), che fanno la Valle di Fiemme la settima potenza del fondo ai Giochi Invernali (5ª l’Italia) e l’8ª ai Campionati del Mondo Fis (il dettaglio nell’allegato).
Mancava solo Lidia Trettel, prima azzurra a vincere una medaglia olimpica alle Olimpiadi: il bronzo a Salt Lake City 2002 dopo averla sfiorata a Nagano ’98 ed essersi vista estromessa da un cavillo burocratico a Torino 2006.

È stato un evento capace di ricordare i Sessantanni di Emozioni dello sci nordico in val di Fiemme…. Una storia nata il 26 febbraio 1966 quando la staffetta italiana maschile 4x10Km conquistò ai Mondiali di Oslo una storica medaglia di bronzo grazie ai fondisti trentini Franco Nones e Giulio Deflorian e ai veneti Gianfranco Stella e Franco Manfroi.
Fu un’impresa epica che diede il via alla stagione di grandi risultati degli atleti della Valle di Fiemme ai successivi Giochi olimpici e Campionati del Mondo, ma anche preludio all’organizzazione di tre Campionati del Mondo FIS (1991, 2003 e 2013) e all’arrivo sessant’anni dopo in Trentino addirittura dei Giochi Olimpici 2006 nell’edizione che lega Lombardia, Veneto e Trentino Alto Adige.

Una stagione di grandi emozioni – per la verità aperta già nel 1962 con la medaglia di Bronzo vinta da Giulio Deflorian nella 30Km ai Mondiali FIS di Zakopane – segnata dall’Oro di Franco Nones nella 30 Km ai Giochi di Grenoble ’68 (dove curiosamente gareggiò con il n.26…) e successivamente da quelli di Giorgio Vanzetta (staffetta 4x10Km – Lillehammer ’94) e di Cristian Zorzi (staffetta 4x10Km – Torino ’06).
E poi dai titoli Mondiali nuovamente di Franco Nones e Cristian Zorzi. Si aggiungono altre decine di medaglie conquistate anche da Bice Vanzetta, Antonella Confortola e Cristina Paluselli. E dalla snowboarder Lidia Trettel, prima surfer azzurra salita sul podio olimpico.

Questi 60 anni di imprese si sono intrecciati con i quarant’anni di racconti sullo sport, che hanno caratterizzata la carriera giornalistica (1979-2019) di Diego Decarli, iniziata nello sci nordico con l’intervista fatta per TVA a Giorgio Vanzetta, assieme al compianto Nino Barnaba, a poche settimane dalla sua partecipazione ai Giochi di Lake Placid ’80. Con Cameramen Diego Busacca, lo stesso che ieri ha immortalato la serata.
Una serata per ricordare e rivivere le emozioni vissute in questi 40 anni anche dall’ex responsabile dell’Agenzia ANSA del Trentino (che ha seguito 5 Olimpiadi e 10 Mondiali) assieme ai Campioni: dallo storico oro a Lillehammer 1994 all’altrettanto storico oro a Torino 2006, sempre in staffetta.
In Norvegia da Giorgio Vanzetta con Maurilio De Zolt, Marco Albarello e Silvio Fauner e a Pragelato da Cristian Zorzi con Fulvio Valbusa, Giorgio Di Centa e Pietro Piller Cottrer.
La speranza è di vedere un nuovo trionfo tra sette anni. Stavolta direttamente in Valle di Fiemme.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni