Home | Sport | Sport invernali | Dominik Paris ancora 2° nel superG di Lake Louise

Dominik Paris ancora 2° nel superG di Lake Louise

Dominik: «Un buon weekend, ora Beaver Creek» – Casse, ottimo 5°: «Ora voglio andar forte in discesa»

image

>
Il campione olimpico Matthias Mayer mette fine al regno norvegese, che durava da sette anni, nel superG sulla Men's Olympic di Lake Louise e mette a segno una vittoria netta, grazie ad una gara perfetta.
Il suo tempo di 1'31"40 è migliore di 4 decimi rispetto a quello di Dominik Paris che centra il secondo podio consecutivo della stagione, il 34esimo della carriera, e chiude il primo week-end della settimana con due piazzamenti eccellenti che lo confermano ai vertici della velocità internazionale.
Paris è riuscito a mettere in pista due grandi gare, ma in entrambe le giornate ha trovato due avversari che hanno fatto una gara senza sbavature.
 
Al terzo posto si è piazzato un altro austriaco, Vincent Kriechmayr, staccato di soli 9 centesimi da Paris e pari merito con lo svizzero Mauro Caviezel.
Poi uno stupendo Mattia Casse, veloce quest'oggi su una pista che non perdonava gli errori. Il suo quinto posto a 60 centesimi dal vincitore lo lancia nella stagione con molte più certezze.
Il miglior norvegese è Aleksander Kilde, sesto, mentre Kjetil Jansrud è ottavo e Thomas Dressen, il vincitore della discesa di sabato, termina al decimo posto.
 
Ottimo anche il 13° posto per Emanuele Buzzi, al primo week-end di gare dopo l'infortunio che lo fermò nella passata stagione.
Buzzi, al via con il 41 mette così a segno il miglior risultato in superG della sua carriera e manda segnali di novità nella squadra di velocità azzurra.
Più indietro Peter Fill che ancora non appare al meglio della condizione fisica.
Mayer beffa Paris anche nella classifica generale che guida con 161 punti contro i 160 del carabiniere della Val d'Ultimo.
Ora il circuito maschile si trasferisce negli Stati Uniti con le gare di Beaver Creek.
 
«Sono soddisfatto dei due podi, è un buon inizio di stagione, – ha detto Paris. – Certo, io sono venuto qui per vincere ma c'è stato qualcuno che è andato più forte di me, devo accettarlo.
«Comunque è un buon week-end, ora andiamo a Beaver Creek e vedremo cosa succederà.»
«Dopo l'uscita in discesa – dice Mattia Casse al traguardo – è un risultato che ci voleva.
«Ho commesso ancora un piccolo errore ad inizio muro, ma ho tenuto giù le punte e il risultato è arrivato. So di sciare bene e so di essere in forma.
«Sabato è stata una giornata storta: qui a Lake Louise faccio sempre un po' fatica a prendere il ritmo. Ora però il mio obiettivo è quello di andar bene in discesa, voglio davvero fare risultati. Beaver non è male e cercherò di godermela.»
 
 Ordine d'arrivo superG maschile Lake Louise (Can) 
1. MAYER Matthias AUT 1'31"40
2. PARIS Dominik ITA +0"40
3. KRIECHMAYR Vincent AUT +0"49
3. CAVIEZEL Mauro SUI +0"49
5. CASSE Mattia ITA +0"60
6. KILDE Aleksander Aamodt NOR +0"76
7. ODERMATT Marco SUI +0"85
8. JANSRUD Kjetil NOR +0"93
9. THEAUX Adrien FRA +1"02
10. DRESSEN Thomas GER +1"10
11. FRANZ Max AUT +1"28
12. GANONG Travis USA +1"37
13. BUZZI Emanuele ITA +1"38
13. WALDER Christian AUT +1"38
15. FEUZ Beat SUI +1"42

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni