Home | Sport | Sport invernali | Sci, 9 nuovi impianti di risalita pronti in Alto Adige

Sci, 9 nuovi impianti di risalita pronti in Alto Adige

L'imminente stagione sciistica che vede l’entrata in funzione di 9 nuovi impianti di risalita

image

>
In Alto Adige sono 361 gli impianti di risalita in funzione, e 9 sono quelli di nuova realizzazione che saranno inaugurati con l'avvio della stagione sciistica. Secondo l’assessore Daniel Alfreider, «seggiovie e funivie in Alto Adige non hanno solo una notevole importanza sotto il profilo economico, dato che il settore ha un fatturato annuale di oltre 330 milioni di euro, ma anche un grande valore dal punto di vista culturale e socioeconomico. Questi mezzi di trasporto ecologici si sono affermati in Alto Adige grazie ad un lavoro pionieristico nel settore degli impianti di risalita. È giunto il momento di utilizzarli in maniera più marcata anche al di fuori della stagione invernale ed in un contesto urbano.»
«Gli elevati investimenti effettuati nel settore garantiscono agli utenti una qualità molto elevata e generano un enorme valore aggiunto per il settore turistico» afferma Markus Pitscheider, direttore dell’Ufficio funivie.
 
 Nuovi impianti sul territorio 
Nell’area sciistica Obereggen la seggiovia a 4 posti «Reiterjoch» è stata sostituita da un impianto ad 8 posti. All’Alpe di Siusi l’impianto «Bamby» è stato sostituito da uno più moderno a 6 posti.
A Ladurns nell’Alta Val d’Isarco la seggiovia a 4 posti «Wastenegg» viene sostituita da un impianto a 6 posti lungo un altro tracciato.
A Plan de Corones l’impianto «Rara» lascia il posto ad un impianto di risalita dotato di cabine da 10 posti.
A Colfosco l’impianto «Stella alpina» è stato sostituito da un impianto ad agganciamento automatico a 6 posti.
Nell’area sciistica «Heilig Kreuz» in Alta Badia un impianto ad agganciamento automatico con cabine da 10 posti sostituisce la seggiovia a due posti «La Crusc».
L’impianto «Elmo» nell’Alta Pusteria è stato rimpiazzato da una moderna seggiovia ad 8 posti.
Due impianti di paese rispettivamente a Luson ed a La Villa sono stati sostituiti.
Oltre ai 73 milioni di euro investiti nella costruzione o nel potenziamento di funivie e seggiovie, sono stati spesi 13 milioni di euro per le revisioni generali per un investimento totale di 85 milioni di euro.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni