Home | Sport | Sport su Ghiaccio | Curling, Campionati Europei di Östersund in Svezia

Curling, Campionati Europei di Östersund in Svezia

L’Italia maschile si qualifica da imbattuta ai playoff. Ancora in corsa le azzurre

image

>
Sette partite, sette vittorie. L’Italia maschile di curling non sa sbagliare: nella quinta giornata degli Europei di curling di scena a Östersund, in Svezia, la squadra del d.t. Claudio Pescia vince lo scontro diretto contro la Svizzera dello skip Schwaller e supera in serata anche la Repubblica Ceca.
Se la qualificazione ai playoff era già certa dopo il successo contro gli elvetici, la seconda affermazione consente invece agli azzurri di firmare la striscia di vittorie più lunga della storia tricolore agli Europei.
Grande soddisfazione dunque per la Nazionale maschile che, tra l’altro, per la prima volta si qualifica per la seconda edizione consecutiva alle semifinali della rassegna continentale.
Tutto ancora aperto invece sul versante femminile: Stefania Constantini e compagne cedono in extremis alla Norvegia ma, in terza posizione provvisoria in classifica a pari merito con la Germania, il destino delle azzurre si deciderà domani nella doppia sfida a Svezia e Svizzera.
 
L’ennesimo grande match quello portato sul ghiaccio da Joel Retornaz (Fiamme Oro), Amos Mosaner (Aeronautica Militare), Sebastiano Arman (Aeronautica Militare) e Mattia Giovanella (Fiamme Oro) contro la Svizzera: sotto 1-0 nel primo end con mano rubata da parte degli avversari, gli azzurri hanno infatti immediatamente reagito con 3 punti nella seconda ripresa e da lì è iniziato un botta e risposta a colpi di due punti per parte sino alla sesta mano.
Sul 7-5 per l’Italia, il team tricolore ha prima lasciato a zero gli elvetici nel settimo e li ha poi costretti a una sola marcatura nell’ottavo.
Il punto guadagnato nel nono ha ristabilito la distanza di due lunghezze e contenuto il rientro degli avversari nel decimo per l’8-7 finale a favore degli azzurri.
 
Retornaz e compagni non hanno poi perso la concentrazione in serata contro la Repubblica Ceca dello skip Klima.
Partita equilibrata e regolare fino al 6° end con 4 punti per parte.
A far la differenza è stato il settimo end, rubato e da due punti, a cui ha fatto seguito una ripresa con nessuna marcatura e un’altra mano rubata per il 7-4 conclusivo.
Italia che resta in testa alla classifica a punteggio pieno insieme alla Scozia quando restano due turni al termine della prima fase del torneo.
 
L’Italia femminile guidata dall’allenatrice Violetta Caldart si è arresa, nell’unica sfida di giornata, alla Norvegia.
Primo tempo combattuto e concluso sul 3-3, poi l’allungo delle avversarie con due punti azzurri tra sesto e ottavo end e addirittura 5 per Roervik e compagne.
Nella decima ripresa, sull’8-5, alle azzurre è riuscito il grande colpo da tre punti per riacciuffare il pareggio ma all’extra end, contando sul martello, la Norvegia ha chiuso i conti sul 9-8 finale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande