Home | Sport | Sport Trentino | Finalmente, dopo il lockdown, si torna a a giocare a baseball

Finalmente, dopo il lockdown, si torna a a giocare a baseball

A Vicenza il Trento passa alla grande: Palladio Vicenza 6, Trento Baseball 9

image

>
Parte alla grande il campionato di serie C della Trento Baseball, con una vittoria in trasferta a Vicenza dopo quasi 4 ore di gioco.
Dopo la falsa partenza, con il rinvio per campo impraticabile di sabato scorso a Bolzano, i ragazzi di Trento fanno il colpaccio con una prestazione maiuscola che fa ben sperare per la giovanissima formazione trentina.
Il nuovo manager di Trento Frankie Russo schiera nella formazione partente: Bonini lanciatore, Pozza ricevitore, Beber prima base, Merler seconda base, Segala interbase, Boccone terza base, con Kayani, Bordoni e Gianotti esterni.
 
Il primo attacco è della formazione ospite, che parte subito forte segnando tre punti con Segala, Boccone e Pozza.
I padroni di casa rispondono con un punto del primo in ordine di battuta.
Il primo inning si chiude con 3 K (eliminazione al piatto del lanciatore) a fronte di due battitori colpiti.
Il secondo inning è il più veloce dell’intera partita con 3 eliminazioni per parte, senza la conquista di nemmeno una base.
 

 
Il terzo inning è invece il migliore del Vicenza, che segna 3 punti grazie anche a 2 valide e passa in vantaggio di un punto.
I 3 punti subiti sono fatali per il lanciatore trentino partente che, dopo una pur buona prestazione, lascia il posto sul monte di lancio a Segala, all’esordio con la formazione di Trento.
Segala concede ancora un punto al Vicenza nel corso del quarto inning, mentre il nostro attacco è ancora sazio dal primo inning.
 
Nel quinto c’è invece il risveglio dell’attacco trentino, con un doppio di Bonini e un singolo di Segala, che segna anche il punto rubando casa.
I due punti consento di impattare il risultato e andare sul 5 pari, che manteniamo anche nel turno di difesa.
Durante il sesto ed il settimo inning il nostro attacco non produce risultati, ma la partita rimane in equilibrio grazie all’ottima prestazione del terzo lanciatore di Trento, Merler, che stupisce non concedendo nessun punto grazie anche all’attenta difesa degli esterni Kayani e Bordoni.
L’ottavo inning è quello decisivo: parte Pozza con una valida, seguono Merler e Beber che avanzano per base su ball.
 

 
A basi piene è richiesto un bunt di sacrificio a Gianotti, che lo esegue, ma viene eliminato al suo posto Pozza, che dalla terza base non concretizza il punto.
In realtà è solo un rinvio alla scorpacciata di punti che seguirà, perché segnano nell’ordine Merler e Beber, per basi su ball di Bordoni e Kayani, mentre Gianotti e Bordoni vanno a punto grazie ad una valida di Segala.
L’euforia del vantaggio fa bene a Merler che lascia ancora a secco gli avversari nel loro turno di attacco.
All’ultimo inning si va con il punteggio di 9 a 5 per i nostri, che devono resistere all’ultimo assalto dei padroni di casa.
 
Tocca però prima al nostro attacco, che rischia di arrotondare ancora il punteggio, riempiendo le basi senza subire eliminazioni.
Vicenza corre ai ripari cambiando lanciatore che lascia a secco il nostro attacco.
Rimangono 4 punti da difendere per i nostri che rimangono con Merler sul monte di lancio. Il primo battitore viene colpito e guadagna così la prima base. Il secondo viene eliminato al piatto.
Il terzo battitore batte sull’interbase che effettua una assistenza in prima base per un out praticamente fatto, ma che non viene concesso perché Beber si lascia sfuggire la palla nella fase di rilancio.
Nella concitazione del momento per cercare di spiegare all’arbitro che la perdita di possesso della palla era successiva all’out, subiamo la rubata della casa base ed il Vicenza accorcia le distanze.
 

 
Serve calma e sangue freddo perché comunque il vantaggio è ancora gestibile. Nell’azione successiva Boccone fa il secondo out con una palla presa al volo e ci portiamo ad un solo out dalla vittoria.
Merler concede però una base su ball al battitore successivo, provocando la decisione di un cambio di lanciatore.
Sale inaspettatamente sul monte Pozza, fin qui ottimo ricevitore. Nella girandola di cambi va in ricezione Bonini, mentre fa il suo esordio anche Aquilano.
Quattro lanci sono sufficienti a Pozza per garantire la meritata vittoria al Trento Baseball.

Si esulta con l‘ultimo filo di voce rimasta, senza poterci fare un meritato abbraccio di gruppo a causa delle restrizioni anti Covid.
La prossima sfida, domenica 26 luglio, sarà la prima partita casalinga, dove speriamo di confermare la grinta e la voglia di fare bene di questo giovane gruppo.
Avanti così ragazzi, primi in classifica!

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni