Home | Sport | Sport Trentino | Decathlon da record per il trentino Lorenzo Naidon

Decathlon da record per il trentino Lorenzo Naidon

Nella calura di Firenze, Naidon colleziona personali per riscrivere il proprio record trentino: 7.743 punti – Tutte le classifiche

image

>
Settemilaquattrocentoquarantatrè.
Un fine settimana da record per Lorenzo Naidon (Us Quercia Trentingrana) che nel decathlon di Firenze diventa il primo trentino a superare la barriera dei 7.000 punti al termine delle proverbiali 10 fatiche.
Nello specifico sono 7.443 i punti del ventunenne allievo di Alberto Faifer che nel giro di questi primi due giorni di agosto ha aggiunto poco meno di 600 punti al suo precedente primato e record trentino di 6.880 punti segnati solo lo scorso anno.
Un traguardo raccolto collezionando primati personali, sei nello specifico considerando anche i 100 metri ventosi (+2,3 m/s), ovvero:

- 100 metri, 10"83 (+2,3 m/s, precedente 11"07)
- salto in lungo: 7,30 (+2,3m/s) e 7,28 con vento regolare - quinto trentino di sempre nella disciplina, precedente 7,17i
- 400 metri: 50"14 (precedente 51"02)
- 110hs: 14"56 (vento assente, precedente 14"79)
- salto con l'asta: 4,60 (precedente 4,50)
- tiro del giavellotto: 49,58 (precedente 47,03)

Un percorso eccellente in cui si inserisce il ritorno a 2,02 nell'alto dopo due anni (PB 2,06 - proprio con il salto in alto era iniziata da cadetto la sua carriera, lo ricordiamo argento tricolore di categoria a Borgo Valsugana nel 2014), il buon 11,45 nel peso ed il 33,93 nel disco ed il 4'46"83 finale dei 1.500 metri della fatica (e del caldo).
Quattro vittorie parziali (100, lungo, 110hs, alto) ed un continuo testa a testa con l'altro azzurro Dario Dester, ventenne ed unico in grado di tenerlo a bada e di precederlo con il bottino finale di 7.655 punti.
 
Dopo la frattura alla clavicola che l'aveva bloccato per l'intero 2018, l'anno scorso Naidon aveva ritrovando un ottimo ritmo, crescendo e meritando il debutto nella nazionale assoluta in Coppa Europa: nonostante il lockdown il gialloverde ha saputo lavorare egregiamente crescendo sensibilmente in molte discipline, pur mantenendo un certo dissapore con i lanci (giavellotto escluso).
Un risultato, quello del fine settimana fiorentino, che lo conferma tra i grandissimi protagonisti italiani della specialità.
Ed ora non resta che aspettarlo a fine mese a Padova per il secondo round che varrà anche il titolo tricolore.

Tutti i risultati


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni