Home | Sport | Sport Trentino | Il Ceppo Vicenza batte Trento Baseball per 10 a 0

Il Ceppo Vicenza batte Trento Baseball per 10 a 0

Le numerose defezioni della squadra trentina hanno spinto il manager Frankie Russo a far giocare anche gli esordienti

image

La panchina con i giovani esordienti.
 
Dopo la partita rinviata per maltempo la scorsa settimana, si è tornati a giocare a Baseball.
Questa domenica i lupi di Trento hanno giocato in trasferta a Vicenza, contro la squadra più forte del girone, quella de Il Ceppo Vicenza.
Purtroppo le numerose defezioni nella già ristretta rosa del Trento Baseball non ha permesso di affrontare la gara con le dovute accortezze.
Il manager Frankie Russo fa di necessità virtù e coglie l’occasione per far esordire un altro paio di ragazzi U16, Christian Bert e Federico Bentivegna.
 

Alì Kayani.

La formazione partente è composta da Alì Kayani sul monte di lancio, Emanuele Pozza a ricevere, Matteo Beber in prima base, Leonardo Gianotti in seconda base, Pierpaolo Bonini interbase, Francesco Merler in terza base ed esterni Lorenzo Aquilano, Luca Bordoni e Christian Bert.
La partita rimane in equilibrio per i primi due inning, dove nessuno segna punti.
 

Emanuele Pozza prima e… dopo l’impatto.

 
Esaurito egregiamente il compito di partente di Kayani, dal terzo inning sale sul monte Bonini creando una girandola di cambi di posizioni: Kayani si va a sistemarsi al centro degli esterni, spostando Bordoni in terza base, Merler in seconda e Gianotti interbase.
Nel terzo inning Vicenza comincia ad ingranare in attacco: con una valida da due basi e qualche base su ball, si procura due punti.
L’attacco di Trento è ancora sterile e l’inizio del quarto inning inizia ancora peggio perché deve uscire per infortunio Pozza, scontratosi con il prima base avversario nel tentativo di arrivare salvo.
 

Matteo Beber riceve uno strike girato a vuoto.
 
Trento così deve spostare Beber a ricevere, lasciando all’entrante Boccone la prima base.
Con questa formazione entrano altri 2 punti durante il quarto inning, più per demerito della difesa che per merito degli avversari.
L’attacco di Trento del quinto inning produce una bella valida di Bordoni, che però non frutta nessun punto.
 
 
Luca Bordoni in battuta.
 
L’attacco di Vicenza del quinto inning è invece quello decisivo della partita, dato che frutta la bellezza di 5 punti con un paio di belle valide.
La lunghezza dell’inning fa terminare i lanci disponibili a Bonini, che si scambia con Gianotti su monte di lancio, chiamato a finire l’inning con il terzo out.
Esaurito il compito sale a lanciare Merler nel sesto inning, lasciando la seconda base a Gianotti, mentre tra gli esterni c’è una staffetta tra esordienti: entra Bentivegna al posto di Bert, autore di una ottima prova in difesa con paio di out al volo.
 

Francesco Merler.

Merler non subisce punti nel corso del sesto inning, ma l’assenza dell’attacco di Trento non lascia molte speranze, così Vicenza si ritrova al settimo inning a dover fare solo un punto per vincere.
Una bella valida sull’esterno sinistro pone fine alla gara e fissa il punteggio sul 10 a 0.
Onestamente con una sola valida prodotta era difficile sperare in qualcosa di più, anche se il passivo limitato dopo 4 inning poteva far sperare in una rimonta, se si fosse acceso l’attacco trentino.
La prossima partita si giocherà sabato prossimo ancora in trasferta, ma questa volta a Bolzano.
Forza lupetti (vista l’età media della squadra vista oggi…)!
 
Testo di Luca Gianotti, foto di Marcello Di Stefano.


Pierpaolo Bonini.

 
Leonardo Gianotti.


Christian Bert, esterno destro.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni