Home | Sport | Sport Trentino | Baseball, primo fuoricampo della stagione a Trento

Baseball, primo fuoricampo della stagione a Trento

Contro la squadra capoclassifica «Il Ceppo Vicenza», il nostro Leonardo Segala ci regala un magnifico «Home Run» che riscalda la fredda domenica del 27 settembre

image

Leonardo Segala esibisce il suo trofeo: la pallina del fuoricampo firmata dal resto della squadra.
 
La partita, ininfluente per la classifica, vista la già certa qualificazione degli avversari, è utile per la formazione di Vicenza come allenamento per i play off, mentre per i ragazzi del Trento Baseball si tratta di un’occasione per fare esperienza e di ben figurare.
Se consideriamo che per 5 inning Trento rimane in svantaggio di un solo punto da Vicenza, portando la partita al nono inning, possiamo dire che la missione è compiuta, anche se il punteggio finale di 13 a 2 è piuttosto severo.
Il manager Frankie Russo, tra le varie assenze dei titolari deve tener conto anche della squalifica del lanciatore Bonini, quindi schiera la seguente formazione: lanciatore partente Ankush Villotti, ricevitore Emanuele Pozza, in prima base Lorenzo Aquilano, in seconda base Leonardo Gianotti, interbase Leonardo Segala, in terza base Francesco Merler, esterno sinistro Davide Boccone, esterno centro Luca Bordoni, esterno destro Christian Bert.
A disposizione rimangono Andrea Schwarz, Davide Giambirtone, Federico Bentivegna e Alessandro Ferrari.
 

Ankush Villotti, lanciatore partente.
 
Dopo il riscaldamento svolto sotto una timida pioggia, la partita inizia con l’asciutto e Vicenza va subito in vantaggio di un punto con una valida. Villotti non si fa intimidire e Segala in difesa fa buona guardia permettendo di contenere l’attacco di Vicenza.
Trento invece ha ancora le polveri bagnate ed il primo inning non produce risultato.
Il secondo inning è ancora migliore per la difesa trentina con Villotti che produce due K (eliminazioni al piatto) e Merler fa buona guardia dalla terza base, tenendo a secco gli avversari.
Purtroppo anche la parte bassa del line-up di Trento non produce risultati in attacco nel secondo inning.


Luca Bordoni ruba casa base e segna il punto.
 
Esce il sole e si asciugano le polveri per gli attacchi delle due squadre nel terzo inning. Inizia Vicenza, producendo 2 punti con 2 valide che fanno terminare l’ottimo lavoro sul monte di Villotti, rilevato da Merler per l’ultimo out.
Purtroppo Villotti non potrà andare in attacco perché il suo posto in battuta verrà preso da Giambirtone, che inizia l’inning più soddisfacente per i nostri colori.
Bordoni infatti segna rubando casa base grazie ad un lancio pazzo, mentre Segala segna il secondo punto direttamente grazie allo splendido fuoricampo: peccato solo l’assenza di altri giocatori sulle basi per avere qualche punto supplementare.
 

Il fuoricampo di Leonardo Segala.
 
Nel quarto e quinto inning la difesa trentina fa bene il suo lavoro con Merler che concede solo una valida, mentre Segala e Gianotti concludono delle buone assistenze ad Aquilano in prima base.
In attacco, in entrambi gli inning i trentini arrivano solo fino alla seconda base, nonostante la valida del solito Segala.
Il cielo si copre e comincia ad abbassarsi la temperatura e la concentrazione dei nostri ragazzi.
Nel sesto inning sale sul monte l’acciaccato Gianotti che deve subire 3 punti per errori di tiro della difesa. In attacco invece la valida di Merler rimane isolata e l’inserimento di Schwarz per Bert non cambia il risultato.
 

Leonardo Gianotti sul monte di lancio.
 
Nel settimo inning Bordoni va a ricevere Pozza che sale sul monte di lancio: Pozza prova a mettere paura ai battitori vicentini colpendone ben 3, con altrettanti punti concessi, che portano il punteggio sul 9 a 2.
Nello stesso inning Trento prova a rispondere con l’ennesima valida di Segala, arriva a riempire la basi con Bentivegna (neo entrato) che arriva fino in terza base, ma non riesce a concretizzare.


Federico Bentivegna in attacco.
 
Nell’ottavo inning Russo chiama Segala a lanciare, provocando l’ennesima girandola di cambi interni. C’è gloria per Bentivegna con l’out al volo dalla sua posizione di esterno destro, mentre al resto pensa direttamente Segala con un K e una assistenza in prima per l’ultimo out.
Nell’ultimo inning Segala concede una valida, ma sono i tre errori di tiro della difesa che condizionano il risultato e fanno subire altri 4 punti al Trento Baseball.
L’ultimo attacco di Trento non produce nulla anche se ci provano Bordoni e Pozza con due battute prese al volo.
Si chiude così la gara con il punteggio finale di 13 a 2, dopo 3 ore e mezza, con i giocatori infreddoliti e i coraggiosi spettatori ormai ibernati.
Il prossimo sabato si concluderà il campionato per Trento, con il recupero della partita non svolta per maltempo contro il Bolzano, in trasferta.
Forza lupi, continuate così!

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni