Home | Sport | Sport Trentino | Battocletti, rientro vincente a Nembro

Battocletti, rientro vincente a Nembro

Dopo due mesi di stop Nadia Battocletti rientra vincendo i 3.000 metri di Nembro: 9'12 e spiccioli per lei, molto convincente l'ultimo chilometro

image

>
Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre) riparte vincendo. Dopo una settantina di giorni di stop a causa della periostite tibiale che l'ha tenuta ferma per l'intero mese di giugno, la ventiduenne mezzofondista nonesa è tornata in pista nel Meeting Città di Nembro con 3000 metri che le hanno consentito di riprendere confidenza con le competizioni in attesa di dirigersi verso Monaco di Baviera, sede tra una dozzina di giorni dei Campionati Europei.
In Germania Battocletti tornerà a misurarsi sui 5000 metri, distanza sulla quale ha raccolto il prestigioso settimo posto alle Olimpiadi di Tokyo, poche settimane dopo il titolo di campionessa europea under 23.
 
Nel frattempo i 3.000 metri della Val Seriana hanno dato indicazioni confortanti, non tanto per il tempo in sé - il 9'12" e spiccioli è figlio di una prima parte di gara piuttosto compassata - quanto per l'atteggiamento della studentessa di ingegneria nell'ultimo chilometro (2'50 il parziale) e soprattutto nel giro conclusivo, quando in progressione ha saputo gestire e controllare le velleità della keniana Gitonga e della burundiana Niyomukunzi, costrette ad accontentarsi dei piazzamenti alle sue spalle.
«Sono felice! - le parole di Nadia - Per me era un test, quindi diciamo che non mi interessava il tempo: ho ricominciato esattamente da quattro settimane. Il finale bene, tra l’altro ho corso in 2:50 l’ultimo chilometro e 29 secondi gli ultimi duecento metri, senza avere allenato questi ritmi. C’è ancora molto da lavorare, ma in queste due settimane avrò modo di finalizzare.»
 
Primato personale sfiorato invece nel salto in lungo per la trilacense Giulia Riccardi (Gs Trilacum): la campionessa tricolore under 20 di eptathlon ha piazzato un 5,84 (+0,7, primato personale 5,88) che l’ha inserita al settimo posto nella graduatoria guidata dalla carabiniera vicentina Ottavia Cestonaro, autrice di un ottimo 6,46 che le ha consentito di precedere le due ucraine Olha Korsun (6,37) e Marika Horierova (6,19).
Ottavo posto nella terza serie degli 800 metri invece per Mirko Tomasi (Atletica Valle di Cembra) che ha pagato nella seconda tornata il ritmo piuttosto sostenuto del primo giro, chiudendo in 1’54”14; vincitore della sua serie è stato il ventunenne ligure Matteo Guelfo con il primato personale di 1’49”25; nella serie principale 1’46”65 per il tunisino Abdessalem Ayouni.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande