Home | Sport | Sport Trentino | Letizia Paternoster, drammatico incidente al velodromo di Monaco

Letizia Paternoster, drammatico incidente al velodromo di Monaco

La ciclista trentina è caduta ai 50 all’ora picchiando la testa. Per fortuna aveva il caschetto. Le radiografie rivelano traumi alla clavicola e alle costole

Verso le 20 di oggi sabato 13 agosto, la ciclista trentina è stata coinvolta in un incidente nel velodromo di Monaco mentre partecipava alla fase di eliminazione di una delle gare della serata agli Europei Multi Sport di Monaco di Baviera.
Secondo una prima ricostruzione, la ciclista polacca che la inseguiva l’ha urtata, scagliandola addosso la barriera di vetro.
La trentina stava correndo ai 50 all’ora e l’urto è stato molto violento ed è rimasta a terra immobile per un po’.

Sono subito intervenuti due medici e due paramedici, che hanno impiegato 15 minuti per stabilizzarla.
Poi è stata caricata sulla barella, le hanno applicato una flebo di antidolorifici e l’hanno portata al pronto soccorso.
Pare che non abbia mai perso conoscenza e le radiografie indicano che ha subito traumi a clavicola e a costole.

La gara è stata sospesa, ma con ogni probabilità la campionessa trentina ha concluso la sua partecipazione ai campionati di Monaco.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande