Home | Sport | Sport Trentino | La Tourlaghi 2014 si fa in quattro e si rifà il look

La Tourlaghi 2014 si fa in quattro e si rifà il look

Dal 30 maggio al 2 giugno torna la corsa a tappe per un totale di 38 km

La Tourlaghi per la sua decima edizione si fa in quattro e, per l’occasione, si è rifatta il look.
La manifestazione podistica a tappe organizzata dal Gruppo sportivo Fraveggio torna infatti a disputarsi sulle quattro giornate di gara, ovvero da venerdì 30 maggio a lunedì 2 giugno, con un chilometraggio complessivo di 38 km distribuiti sulle quattro tappe che hanno sempre come centro nevralgico il borgo di Fraveggio.
Si inizierà il venerdì con un prologo serale di 4 km nei dintorni dell’abitato, quindi la Terlago-Fraveggio di 12 km, domenica la Lago di Cavedine Fraveggio di 14 km ed infine lunedì la Vezzano-Margone, una prova tutta in salita di 8 km.
Comune denominatore ed elemento distintivo di questa singolare manifestazione sono gli specchi d’acqua dell’omonima valle, visto che nelle varie sfide giornaliere vengono lambiti i laghi di Terlago, Cavedine, Toblino e Santa Massenza.
 
Ed è questa la formula vincente della Tourlaghi, una corsa a tappe che va alla scoperta delle bellezze del territorio.
Una magnifica intuizione da parte degli organizzatori del Gs Fraveggio che, dieci anni fa, hanno dato vita a questa singolare competizione in un territorio, la Valle dei Laghi, che si presta particolarmente a questo tipo di sport, una valle che si distende come un gigantesco tappeto ricamato dai cento colori, steso ai piedi delle Dolomiti e che scende dolcemente a lambire il Lago di Garda.
Non è dunque un caso che fin dalla prima edizione si sia manifestato grande l’interesse fra i runner, soprattutto da fuori regione, per la formula a tappe della gara podistica che permette di abbinare alla propria passione per la corsa la possibilità di trascorrere alcune giornate vivendo il territorio e ciò che offre: dall’enogastronomia all’ambiente, dalla cultura allo sport.
Questo grazie anche alla Sagra dei Portoni, una suggestiva manifestazione rievocativa che è in programma sempre in concomitanza con l’evento agonistico.
 
Proprio per festeggiare nel migliore dei modi il decimo compleanno, gli organizzatori hanno deciso di farsi un regalo, rivisitando dal punto di vista grafico il sito internet, all’indirizzo www.tourlaghi.it, che si interfaccia così con il già esistente www.gsfraveggio.it.
Tanti dunque i motivi d’interesse che attirano i partecipanti alla manifestazione, che anno dopo anno è cresciuta per qualità organizzativa, con atleti provenienti da tutto lo stivale in rappresentanza di oltre 30 provincie che raggiungono anzitempo il tetto massimo di 250 partenti, fissato dall’organizzazione, in modo da garantire, dal primo all’ultimo, la massima attenzione nei servizi offerti.
 
Quantità ma anche qualità, considerando che fra i partenti ci sono atleti quotati e affezionati a questa competizione.
A partire dal vincitore dell’ultima edizione il vicentino Diego Gaspari  portacolori del Gs Gabbi Bologna, che avrà come principali avversari il piemontese Massimo Galliano, già campione europeo di corsa in montagna, e i trentini Giuliano Battocletti,  vincitore alla Tourlaghi nel 2011 e 2012 e Andrea Debiasi.
In campo femminile ha confermato la sua presenza l’emiliana di Sassuolo Laura Ricci che proverà a scrivere il suo nome per la terza volta nell’albo d’oro.
 
All’interno della Tourlaghi, in programma dal 30 maggio al 2 giugno, viene riproposto il Memorial Giuseppe Ravidà, giunto alla nona edizione, che premierà la miglior squadra per somma di tempi, mentre domenica 1 giugno per le strade del borgo di Fraveggio si corre la BabyRun lungo un tracciato di 400 metri.
A riprova dello stretto rapporto che c’è tra la manifestazione e il territorio, fra i partner spicca il marchio La Trentina, tra le più significative realtà melicole su territorio nazionale.
La frutta che ha scelto con orgoglio di chiamarsi come la terra genuina di cui è figlia ha le proprie caratteristiche distintive date dal luogo in cui cresce, accarezzato dal sole e dal vento, solleticato dall’acqua, curato e seguito in ogni momento critico della sua crescita da mani esperte.
Raccolto, selezionato e confezionato in modo da arrivare nelle vostre mani intatto: sano e gustoso, ricco di principi nutritivi tanto importanti per l’atleta ma non solo.
Confermato invece lo sponsor tecnico Adidas: dopo l’esperienza positiva del 2013, ha riconfermato il proprio sostegno.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni