Home | Sport | Sport Trentino | Italia d’oro a Győr in Ungheria, la squadra femminile di Judo

Italia d’oro a Győr in Ungheria, la squadra femminile di Judo

La trentina Irene Pedrotti conquista l'Oro nella gara a squadre alle Olimpiadi Europee Giovanili – EYOF 2017

image

>
È d’oro la medaglia conquistata dalle ragazze dell’Italia nella gara a squadre che ha concluso il 14° European Youth Olympic Festival a Gyor.
Hanno lottato, si sono battute, hanno vinto sconfiggendo, nell'ordine, Serbia, Ungheria e Russia.
Irene Pedrotti, selezionata fra le migliori atleti tricolore per i suoi risultati al Cadet European Cup, porta la squadra italiana in semifinale, vincendo contro la serba Marica Perisic, vicecampionessa nella gara individuale. Semifinale italiana poi contro l'Ungheria vincendo 3-2, che diventa finale contro la Russia bissando il 3-2 precedente conquistando così l’oro all’European Youth Olympic Festival 2017 (EYOF Győr 2017), i giochi olimpici giovanili iniziati a Győr in Ungheria il 23 luglio.
La squadra femminile composta da Matilda Avila (48kg), Alessia Tedeschi (52kg), Irene Pedrotti(57kg), Elisa Toniolo (63kg), Betty Vuk (70kg),Vanessa Origgi (+70kg), ha portato l’Italia ad un risultato che è già storico, si tratta infatti del primo oro a squadre femminile assegnato all’EYOF.

Irene Pedrotti – Oro a squadre – EYOF 2017.

 EYOF Győr 2017 
L’idea dell’European Youth Olympic Festival (EYOF) è nata nel 1990 da Jacques Rogge. Il suo intento era di dare ai giovani atleti la possibilità di conoscere il Movimento Olimpico, i suoi valori e i suoi ideali dando in tal modo un’opportunità ai giovani talenti di partecipare ad una competizione internazionale di alto livello in una cornice per l’appunto Olimpica.
L’EYOF si svolge negli anni dispari e nel tempo è diventata una manifestazione di altissimo livello. Protagonisti di questa edizione sono oltre 2.500 giovani atleti, provenienti da 50 paesi europei.
Per l’Italia hanno sfilato alla cerimonia di apertura oltre 170 persone tra atleti ed ufficiali.
 
Irene Pedrotti, vicecampionessa italiana, cintura nera 1°Dan, commenta così la gara: «Siamo un team affiatato e questa è una giornata da ricordare».
L’atleta tesserata al Dojo Equipe Bologna si allena quotidianamente presso la ASD Judo Caldonazzo gestito dalla competenza della madre, Greta Casagrande, cintura nera 4° Dan, tra l’altro divenuta da poco Maestro di Judo, ultima tappa raggiungibile tra i livelli riferiti agli insegnanti tecnici, dopo un percorso formativo svolto al centro Olimpico Federale al Lido di Ostia – Roma.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande