Home | Sport | Sport Trentino | Vince Bergamo, ma con una squadra di marca… moriana

Vince Bergamo, ma con una squadra di marca… moriana

L'ASD Dama Mori è 2ª ai campionati italiani a squadre per il secondo anno consecutivo!

image

>
Damisti moriani sugli scudi ai campionati italiani a squadre di dama disputati a Latina!
Ben 4 i giocatori originari di Mori sui primi due gradini del podio.
L'ASD Dama Mori formata dai moriani Riccardo Agosti, Diego Tranquillini e dal dominicano Rafael Rodriguez si piazza seconda bissando il risultato dello scorso anno.
Campioni d'Italia i damisti del Circolo Damistico Bergamasco Campagnola, formato però dai due ex-moriani Moreno Manzana e Nicola Gioffrè (nati e cresciuti a Mori, da anni si sono trasferiti a Bergamo e dintorni, prima per lavoro, poi costruendo là le loro famiglie), in aggiunta al giocatore senegalese Aboubacar Sadikh Diop (n° 2 del ranking italiano).
Dunque la scuola damistica di Mori si fa valere ancora una volta, al cospetto di tutti i migliori giocatori italiani della penisola, tutti presenti ad una competizione che è stata probabilmente il campionato a squadre di più alto livello di sempre, incerto fino all'ultimo.
 
Al 3° posto la squadra dello storico circolo damistico di Trieste, con l'ex-campione italiano assoluto Luca Lorusso, al 4° la squadra di Savona che contava sul campione italiano in carica Daniele Bertè, al 5° Fossano (CN) con Alessio Scaggiante e Loris Milanese, i due giocatori rispettivamente n° 1 e n° 3 del ranking italiano.
Annientate le due formazioni di Latina che lo scorso anno si erano piazzate 1ª e 3ª, battute entrambe negli scontri diretti sia con Mori che con Bergamo, dunque i pontini quest'anno si sono dovuti accontentare di piazzamenti nelle retrovie.
Nonostante gli altissimi valori in campo i giocatori di Bergamo e di Mori hanno affrontati tutti i giocatori a viso aperto e, grazie al loro gioco di squadra, alla fine sono riusciti ad avere la meglio.
 
Anche perché nemmeno i giocatori di casa nostra sono proprio dei dilettanti, Manzana n° 6 delle classifiche nazionali, Agosti n° 14, Tranquillini e Gioffrè rientrano tra i primi 30-40 giocatori.
E tutti e quattro sono ex-allievi del compianto Giuseppe Manzana, per decenni presidente del circolo di Mori, ed a cui oggi è dedicata la Coppa Città di Mori che lui stesso aveva creato.
Non solo, a lui è anche dedicato da tempo il premio che ogni anno la Federazione Italiana Dama assegna al miglior organizzatore italiano di competizioni damistiche.
Il campionato italiano svoltosi a Latina il 17 e 18 novembre si disputava alla specialità a 100 caselle, la dama internazionale, il sistema praticato nelle gare internazionali che contano, variante a cui da sempre i damisti di Mori si dedicano prima che alla più nota dama italiana (in Italia vi sono due circuiti distinti con i due tipi di dama). 12 le squadre presenti che rappresentavano tutta l'Italia, da Trieste a Siracusa.
 
Dunque l'ennesimo 2° posto dell'ASD Dama Mori, il terzo della sua storia, con Mori che deve rimandare un'altra volta i festeggiamenti ufficiali per lo scudetto italiano, uno dei pochi allori che ancora mancano alla società di Mori.
Nonostante ciò lunedì scorso vi sono stati allegri festeggiamenti al circolo di Mori, per la grande prestazione della scuola damistica moriana, che non ha tradito la sua lunga tradizione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni