Home | Sport | Sport Trentino | Il trentino Crippa nella storia del mezzofondo azzurro

Il trentino Crippa nella storia del mezzofondo azzurro

Record italiano e ottavo posto ai Mondiali di Doha per l’azzurro nei 10.000 metri: 27:10.76, trent'anni dopo Salvatore Antibo

image

>
Ancora due piazzamenti nelle finali per gli azzurri nell'ultima giornata dei Campionati del Mondo di Doha.
Yeman Crippa è ottavo nei 10.000 metri con il record italiano della specialità portato a 27:10.76 (superato il 27:16.50 stabilito da Salvatore Antibo a Helsinki oltre 30 anni fa, il 29 giugno del 1989), mentre la staffetta 4x400 maschile (composta da Davide Re, Vladimir Aceti, Matteo Galvan e Edoardo Scotti) è sesta in 3:02.78.
Niente da fare per Luminosa Bogliolo, l'ultima azzurra in gara al Khalifa Stadium, eliminata nelle semifinali dei 100hs (13.06).

 10.000 metri uomini 
Trent'anni. Tanto è durato il record di Salvatore Antibo, il 27:16.50 che il siciliano, uno dei più grandi campioni della storia dell'atletica italiana, ottenne in una sfida leggendaria nel corso del meeting di Helsinki, il 29 giugno del 1989.
Fino a stasera, fino all'impresa di Yeman Crippa, ottavo (e dunque finalista) nella serata del Khalifa Stadium, con la cifra del nuovo primato, un fantastico 27:10.76 che porta aria fresca in una lista alltime della specialità cristallizzata da decenni.
E che vale anche la terza posizione nella lista europea di tutti i tempi, dietro il britannico Mo Farah (26:46.57) e il belga Mohammed Mourhit (26:52.30).
 
Il ragazzo che in Trentino ha trovato la sua casa è oggi un uomo, capace, dopo il bronzo europeo dello scorso anno a Berlino, di inserirsi tra i grandi del «prolungato».
In una serata da prestazioni cronometriche super. L'oro va all'ugandese Joshua Cheptegei in 26:48.36, l'argento finisce al collo del favorito, l'etiope Yomif Kejelcha (26:49.34), con il keniano Rhonex Kipruto, a completare il podio (26:50.32).
In precedenza, la corsa si era sviluppata su ritmi veloci ma regolari, ideale per l'attacco di Crippa al primato di Antibo.
 
Presto si forma in testa un gruppo nutrito, che transita ai 5.000 metri intorno ai 13:33 (per Crippa il rilevamento esatto è 13:35.50); a fare da pace maker si alternano i keniani, con Kipruto sempre protagonista.
A sei giri dal traguardo, l'azione che riduce a otto il gruppo di testa; Crippa si stacca leggermente, sembra in crisi, ma è bravo a non mollare.
Continua a girare sul suo passo, sempre sul piede dei 2:45, stacca gli avversari che gli fanno compagnia e resta solo al nono posto.
 
Davanti, si accendono le polveri, e i battuti cominciano a perdere contatto; quando si attacca l'ultimo giro, l'azzurro è a una ventina di metri dall'etiope Gebrhiwet ottavo in quel momento.
Non solo il record, c'è in palio anche l'ultima piazza da finalista, che Crippa dimostra di volere molto più del suo avversario.
È record italiano, con Crippa che è anche, di gran lunga, il primo degli europei (il norvegese Moen è dodicesimo con un crono superiore ai 28 minuti).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni