Home | Sport | Sport vicini al Trentino | Il lago di Auronzo è candidato ai Mondiali 2025 di Dragon Boat

Il lago di Auronzo è candidato ai Mondiali 2025 di Dragon Boat

L’assegnazione sarà decisa a metà marzo dall’International Canoe Federation

image

 
Nell’anno in cui la comunità di Auronzo di Cadore è Città Europea dello Sport 2021, una nuova sfida organizzativa sta prendendo forma.
Il percorso è iniziato lo scorso ottobre, in piena seconda ondata Covid-19, ma solo pochi giorni fa l’International Canoe Federation ha comunicato l’esito dei BID questionnaire, i cc.dd. piani di offerta di organizzazione, ammessi per la scelta del Board ICF e l’assegnazione dei Mondiali 2025. Le località ammesse sono Auronzo di Cadore (Italia) e Ruse (Bulgaria).
Le prossime rassegne di questa manifestazione sono previste nel 2021 a Poznan in Polonia, nel 2022 a Ternopil in Ucraina, nel 2023 a Hangzhou in Cina e nel 2024 a Ningbo sempre in Cina. Per il lago di Santa Caterina di Auronzo di Cadore che ha già ospitato grandi eventi di canoa (Europei 2018) e dragon boat (Europei 2015), e che sarà il palcoscenico dei Mondiali 2023 di canoa velocità per le categorie Junior e Under 23, l’eventuale assegnazione dei Mondiali 2025 di dragon boat rappresenterebbe un ulteriore tassello nel progetto pluriennale dove gli eventi sportivi sono un valore aggiunto per il territorio, sia in prospettiva sociale, sia in prospettiva economica, nell’ambito della valorizzazione di un turismo di qualità e proveniente da tutto il mondo.
 
«Anche se le concorrenti si sono ridotte a due, non sarà un’assegnazione semplice o scontata» – commenta Andrea Bedin, il manager sportivo che ha seguito tutto il cammino della candidatura.
«Auronzo ha tutte le carte in regola per ottenere l’assegnazione dell’evento» – continua Bedin – «in particolare perché sul lago di Santa Caterina sono già stati disputati gli Europei di dragon boat nel 2015.»
«Tuttavia, la città di Ruse (Bulgaria) si presenta molto agguerrita, con una popolazione di 165mila abitanti che la rendono la quinta città della Bulgaria.»
«È una città con una grande storia e una preziosa architettura per la quale è spesso definita “la piccola Vienna”. Il campo di gara è allestito sul fiume Danubio che, seppur sia attraversato da molte correnti, ha un’ampiezza tale che permette di realizzare grandi eventi di canoa e di dragon boat.»
«Inoltre - continua Bedin – l’’Italia ha già ospitato i Mondiali di dragon boat nel 2017 ma questo non dovrebbe essere un problema considerato che la Cina organizzerà consecutivamente le edizioni 2023 e 2024.»
 
«Sono sicuro» – conclude Bedin – «che sarà un bellissimo testa a testa anche se l’aver ottenuto i Mondiali 2023 di canoa ha dimostrato che Auronzo di Cadore è una località che ha riscosso molto gradimento a livello internazionale, in particolare grazie alla fantastica e impeccabile organizzazione degli Europei 2018 di canoa velocità per le categorie Junior e Under 23, ancora ben presente nelle memorie di tutti i Teams continentali che vi hanno partecipato.»
In attesa del verdetto previsto per Venerdì 12 marzo 2021, continua il grande lavoro di preparazione e di sinergia del Comitato Promotore composto dal Comune di Auronzo di Cadore e dall’associazione Venice Canoe & Dragon Boat ASD, e fortemente supportato dalla Federazione Italiana Canoa Kayak, dal Comitato Regionale Veneto FICK, dalla Provincia di Belluno e dalla Regione del Veneto.
 

 
  Dichiarazione del Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia 
«Gli Europei di Auronzo del 2015 sono stati un successo organizzativo, sportivo e di spettacolo. Partendo da questo presupposto, la candidatura a ospitare i mondiali del 2025 è il naturale sviluppo di una realtà sportiva prestigiosa e consolidata e di un campo di gara ideale come lo splendido Lago di Auronzo. Sarebbe, sarà, un magnifico preludio alle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026, con lo sport ancora una volta a trainare lo sviluppo turistico ed economico della montagna veneta. Auguro a questa candidatura il successo che si merita, certo che i proponenti non molleranno la presa fino all’ultimo giorno utile. Come dissi quando Milano-Cortina 2026 restò in concorrenza con la sola Are. E sappiamo com’è andata!»
 
  Dichiarazione del Sindaco di Auronzo di Cadore, Tatiana Pais Becher 
«L’Amministrazione Comunale di Auronzo è orgogliosa, dopo aver ospitato con grande successo i Campionati Europei 2018 di Canoa e aver visti assegnati nel 2019 i Campionati Mondiali ICF 2023 di canoa velocità Junior e Under 23, della decisione congiunta di proporre la candidatura per i Campionati Mondiali ICF 2025 di dragon boat. Un evento di risonanza mondiale che, se assegnatoci, avrà come location d’eccezione un campo di gara unico come il lago di Santa Caterina, uno specchio d’acqua circondato dalle più belle vette dolomitiche dalle cui acque è possibile ammirare in tutta la loro maestosità le Tre Cime di Lavaredo, montagne simbolo delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità. Questa ennesima candidatura del lago di Santa Caterina di Auronzo di Cadore conferma l’importanza della sinergia tra sport, turismo e territorio per lo sviluppo futuro della montagna cadorina anche in vista di un futuro coinvolgimento del Paese delle Tre Cime e delle sue strutture sportive nelle Olimpiadi Milano-Cortina 2026.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni