Home | Sport | Sport vicini al Trentino | Le vele della Centomiglia ospiti della Mille Miglia

Le vele della Centomiglia ospiti della Mille Miglia

A rappresentare la sfida velica del Garda in questo ritorno al passato è la barca «Ecoracer», ospite del Paddock del Palafiera di Brescia

image

>
La Centomiglia velica è ospite della Mille Miglia. A rappresentare la sfida velica del Garda è la barca «Ecoracer», ospite del Paddock del Palafiera di Brescia.
È un ritorno al passato, datato 1952.
Renzo Castagneto, uno dei padri della gara automobilistica, viene immortalato nel porto di Gargnano su una barca della serie «Sintesi» dei Cantieri Patucelli.
Negli anni, più volte, si raccontò che la Mille Miglia aveva ispirato nel nome la Centomiglia del Garda.
In quella storica fotografia con Castagneto c'erano Andrea Castellani (che sarà presidente del CV Gargnano negli anni '70 e '80) ed Elio Sangiorgi, cronista del Giornale di Brescia, uno dei primi cantori di entrambe le sfide.
 
Settantadue anni di storia della vela, e delle auto, ed ecco che si rinnova l'ospitalità grazie alle nuove tecnologie Green. Il tutto con l'imbarcazione «Ecoracer».
È la prima barca al Mondo costruita in serie con fibre vegetali (di Lino), vele riciclabili e motore elettrico per i trasferimenti.
Dopo aver vinto il Campionato Minialtura a Gargnano lo scorso mese di maggio, è in settimana negli spazi del Palafiera di Brescia.
Tra le auto c'è questo scafo bianco, simbolo delle nuove tecnologie verdi del mondo della nautica.
Grazie a «Ecoracer» il Garda, e in particolare il Circolo Vela Gargnano e la sua Centomiglia, si confermano il vero Lab della Vela Mondiale.
Lo si è visto proprio al Campionato Italiano Mini Altura a Gargnano, vinto da questa barca.

La «Ecoracer 769», è carena nata da una Start Up di Monfalcone, presenta uno scafo in fibre vegetali, motore elettrico e vele in materiale completamente riciclabile.
Lungo 7,69 metri, per 2,80 metri di baglio, Ecoracer 769 pesa 1.100 kg e ha una superficie velica di 42 mq di bolina e di 100 mq in poppa e tra le particolarità, oltre a disegno della prua rovescia, disegno che si sta affermando su molti Racer e Imoca marini, c'è la posizione molto avanzata del timone.
Dal punto di vista costruttivo altre particolarità che evidenziano la filosofia di Northern Light Composites sono, oltre all’impiego di materiali riciclabili, l’assenza di vernici sostituite dalle applicazioni di pellicole. Ed ora «Ecoracer» si gode la ribalta della Milla Miglia e della sua versione Green.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande