Home | Sport | Sport vicini al Trentino | Settore giovanile FITAV: la carica dei 300 e oltre

Settore giovanile FITAV: la carica dei 300 e oltre

Sono stati 309 i giovani che hanno partecipato al campionato nazionale di tiro a volo di scena al Concaverde di Lonato nel fine settimana dell’8 e 9 settembre

image

Walter Miotto, Antonello Iezzi, Alberto Di Santolo e Silvio Grande del Cas Concaverde.
 
Tutta la meglio gioventù del tiro a volo nazionale si è riunita, sabato 8 e domenica 9 settembre, al Trap Concaverde di Lonato, in occasione del campionato italiano riservato agli Under 21 di skeet e fossa olimpica.
Ottima l’affluenza, con più di 300 giovani impegnati a rincorrere lo scudetto nelle varie categorie: esordienti; giovani speranze; allievi e juniores.
Le competizioni si sono svolte sotto gli occhi attenti di Alberto Di Santolo, coordinatore del settore giovanile nazionale, e del commissario tecnico di fossa olimpica Antonello Iezzi, entrambi riconosciuti scopritori e forgiatori di talenti.
 
«La finale nazionale del settore giovanile è una festa vera, fatta di numeri, di entusiasmo, di partecipazione autentica, – ha ricordato il vice presidente Fitav, Paolo Fiori, acclamato dai tanti presenti. – L’attività giovanile è il pilastro della nostra famiglia e non è un caso che, a Changwon, dove si è disputato il campionato del mondo, i nostri ragazzi hanno dimostrato di essere al di sopra di tutti gli altri.
«Questa è sicuramente la migliore bandiera per una Federazione che si candida a guidare il mondo del Tiro.»
 

Podio Skeet Juniores maschile.
 
Parole condivise dal delegato regionale della Lombardia Daniele Ghelfi.
«Trecento e nove ragazzi che hanno partecipato a questa gara – ha commentato – è un ottimo numero e vorrei ringraziarli a uno a uno.
«Oltre a loro, voglio ringraziare tutti i genitori e accompagnatori che, di gara in gara, si prodigano per permettere ai nostri giovani di essere presenti e di continuare a esercitare questo meraviglioso sport, che tanti risultati, a livello internazionale, sta portando alla nostra Federazione.»
 
«È una grande soddisfazione, per noi, poter ospitare un evento come questo, – ha chiosato Ivan Carella, presidente della struttura ospitante. – Di fronte a questi numeri, voglio vedere se davvero c’è qualcuno con il coraggio di dire che il tiro a volo non è uno sport per giovani.
«Da diversi anni il Concaverde ha l’onore di ospitare una manifestazione legata al settore giovanile. Ringrazio i commissari tecnici e le società per il grande lavoro svolto nel processo di avvicinamento e insegnamento del nostro sport.
«Oggi s’è celebrata la finale, oggi è un giorno di grande festa, ma dietro c’è un enorme lavoro che richiede mesi e anni d’impegno.»
 

Podio Skeet Juniores femminile.
 
Passando quindi ai responsi delle tante gare in programma, nella fossa olimpica, a svettare tra gli Juniores maschili è stato Michael Caregnato (114+45).
Non nuovo alle cronache sportive, l’atleta veneto ha messo alle proprie spalle il ligure Alessandro Divizia (115+44) e l’emiliano Edoardo Antonioli (114+35).
Restando nel comparto Junior, stavolta in tinta rosa, la prima della classe è stata la milanese Alessandra Della Valle (114+40), entrata in finale con il medesimo punteggio della seconda classificata, Valentina Panza (114+37), che ha dovuto cedere all’esuberanza dell’atleta lombarda prima nello shoot-off per l’assegnazione del dorsale, poi nel gold medal match.
A completare il podio è stata l’azzurra Giulia Grassia (113+27), modenese in forza all’esercito italiano, che, dopo l’argento al Criterium, ha messo al collo il bronzo nella finale del campionato nazionale.
 
Grande bagarre tra gli Allievi dove, a coronarsi d’alloro, è stato il cremonese Marco Mangolini (111+41), che ha soffiato per un solo piattello il gradino più alto del podio al giovane carabiniere Florin Caccia (109+40).
A completare il trio dei medagliati è stato il pavese Luca Forno (108+31). Tra le Allieve, a cucirsi al petto lo scudetto è stata la laziale Michela Placidi (106+37), che ha chiuso davanti alla friulana Joanna Busolini (103+34) e alla bresciana, in forza al TAV Cieli Aperti, Adriana Rubini (108+26), giunta in finale con il miglior punteggio.
Passando alle Giovani Speranze, il migliore tra i 55 partecipanti è stato il salernitano Matteo D’Ambrosi (109+41), già vincitore del Criterium, che ha costretto alle piazze d’onore il modenese Fabio Fiandri (110+39) e il fiorentino Alessio Sforzi (115+39), dominatore indiscusso nei primi 125 piattelli di selezione.
Terminiamo, quindi, con i campioncini degli Esordienti, Antonio Algeri (61+24+1) e Maria Teresa Maccioni (56+20), che solo pochi mesi fa hanno iniziato a sbriciolare piattelli e che, nonostante il breve lasso di tempo, si sono regalati le prime grandi soddisfazioni di questa fantastica disciplina.
 

Podio Juniores maschile.
 
Ottime notizie, e non è un eufemismo, sono arrivate dallo skeet, dove a portare a casa il titolo nazionale degli Juniores maschili ci ha pensato il poliziotto napoletano Aniello Trinchese (114+50+9).
Dopo avere chiuso la finale a punteggio pieno, l’atleta delle Fiamme Oro ha avuto la meglio nei tiri di shoot-off sul toscano Alessandro Calonici (108+50+8). A chiudere il podio è stato il friulano Matteo Cussigh (105+40), al quale non è bastato il perfetto 40/40 in finale e ha dovuto accontentarsi del gradino più basso.
Anche tra le Juniores in rosa si è reso necessario uno shoot-off per l’assegnazione del titolo, vinto dalla laziale Giorgia Fancello (101+46+2), seguita dalla poliziotta toscana Sara Bongini (96+46+1) e dalla veneta Giulia Basso (93+36).
 
Tra gli Allievi, il migliore del lotto è stato il lucchese Paolo Micheli (108+49) che, con un punteggio quasi perfetto, ha preceduto il milanese Lorenzo Milani (109+44) e il ternano Daniele Marroni (109+36).
Tra gli Esordienti è stato invece il pugliese Stefano Carbone a vincere: il suo 62+20 in finale gli ha permesso di avere la meglio sul marchigiano Gioele Carletti (59+18) e sull’umbro Pietro Basta (48+17).
Come consuetudine, in concomitanza con il campionato nazionale si è disputato pure il Memorial Prestini, ex dirigente del Cas Concaverde e scopritore di tanti campioni nostrani, vinto rispettivamente da Andrea Cito e Arianna Rossetto per la fossa olimpica e da Gioele Carletti per lo skeet.
Ora, dopo la sfida sportiva, molti dei nostri giovani campioni dovranno affrontare quella scolastica. Siamo certi che, pure sui banchi, otterranno i risultati di prestigio già conquistati in pedana.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone