Home | Sport | Sport vicini al Trentino | I Siciliani del TAV La Contea si aggiudicano il tricolore

I Siciliani del TAV La Contea si aggiudicano il tricolore

Campionato italiano di fossa olimpica per le società di quarta categoria disputato al Concaverde di Lonato sul Garda


Tav La Contea.

Ancora una volta il TAV «La Contea» dell’Imperatore Adriano ha espugnato il Concaverde di Lonato del Garda. Nella sfida di fossa olimpica per il tricolore riservata alle società di 4ª categoria, disputatasi domenica 6 ottobre, il sestetto di fucili siciliani (549/600), con cuore a Modica in provincia di Ragusa, ha avuto la meglio sulle furie bianco-rosse del TAV Pezzaioli (540/600) di Montichiari (BS) e sui «Blues» del Poggio dei Castagni (535/600), società con sede a Vobarno (BS).
 

Tav Pezzaioli.
 
Manlio Caminiti, il migliore dei siciliani, ha realizzato un solido 94/100, ma anche gli altri cinque legionari non sono stati da meno: 93 centri li hanno composti Paolo Putano e Daniele Castiglia, 91 Adriano Avveduto e 89 Francesco Mozzicato e Francesco Prestifilippo.
«Il Trap Concaverde dell’amico Ivan Carella [presidente dell’impianto di tiro sede della gara - NdR] ci porta bene, - ha commentato a fine gara il coach e capitano dei modicani Adriano Avveduto. - Ogni volta che saliamo a Lonato torniamo quasi sempre a casa con un titolo puntato sul petto.
«Abbiamo onorato al meglio questa competizione, ci siamo preparati con tanto sacrificio, e siamo riusciti ancora una volta in questa grande impresa, al termine di una gara difficile, con lanci impegnativi e una visibilità non delle migliori, che ci ha visto rimanere in testa per tutte e quattro le serie.»
 

Tav Poggio dei Castagni.
 
«Il campo di Lonato, anche stavolta, si è dimostrato all’altezza della situazione, – ha affermato a fine gara il consigliere della FITAV Fiorenzo De Rosa, presente all’evento. – Grazie a tutti, in particolare alle società presenti, che fanno sì che il nostro mondo cresca sempre di più.
«Non conta tanto chi ha vinto e chi è arrivato dietro, conta soprattutto lo spirito con cui si partecipa a ogni competizione.»
«Anch’io voglio ringraziare le 42 società che hanno partecipato a questa finale del campionato italiano, – ha aggiunto Ivan Carella, presidente della struttura ospitante. – È stato un grandissimo onore avere ospitato, anche quest’anno, quello che è il motore del tiro a volo, quella che è la solida base su cui poggiano i vari campionati nazionali, europei e mondiali.»
 

Podio campionato italiano soc. 4 cat.
 
Il giusto riconoscimento va, infine, ai 16 direttori di tiro coordinati da Pierluigi Bestetti che, provenienti da diverse Regioni d’Italia, hanno garantito il regolare e corretto svolgimento della gara.

 CLASSIFICA 
1) Tav La Contea (549/600); 2) Tav Pezzaioli (540/600); 3) Tav Poggio dei Castagni (535/600); 4) Tav Ampurias (532/600); 5 Tav Fabriano (526/600); 6) Tav Reggio Calabria (526/600).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni