Home | Sport | Sport vicini al Trentino | Portopiccolo-Tempus Fugit pigliatutto alla Barcolana

Portopiccolo-Tempus Fugit pigliatutto alla Barcolana

È sua sia la Portopiccolo Maxi Race che la Coppa Bernetti del Golfo di Trieste

image

>
È Portopiccolo Tempus Fugit il vincitore della Portopiccolo Maxi Race e della Coppa Bernetti, veri e propri warm up della Barcolana che si sono disputati nel weekend nel Golfo di Trieste.
Dopo un'inizio in sordina a causa di alcuni problemi alla componente elettronica di bordo il team dell'asd triestina è riuscito a dare il meglio di sé nella giornata di domenica, conquistando la line honours che gli ha permesso di mettere a segno il colpo grosso davanti alle 160 imbarcazioni che hanno preso parte all'evento odierno.
Condizioni meteo perfette, con sole e vento di Bora tra i 20 e di 25 nodi, hanno consentito al cento piedi degli skipper Ludde Ingvall ed Enrico Zennaro di raggiungere punte di 21,5 nodi di velocità, lungo le quindici miglia di percorso che dal Porto di Trieste conducevano alla baia di Sistiana.
 
Ad attraversare la finish line dopo Portopiccolo Tempus Fugit sono stati Anywave Safilens dello skipper Alberto Leghissa ed Adriatic Europa di Dusan Puh.
Sono invece 2-2-1 i parziali che hanno permesso a Portopiccolo Tempus Fugit di aggiudicarsi la Portopiccolo Maxi Race davanti alla stessa Anywave Safilens e Mololungo Tutta Trieste.
Grande soddisfazione è stata espressa anche da parte del management del team, con il presidente Antonio Masoli ed il direttore sportivo Marco Furlan che dichiarano.
«Siamo contenti, abbiamo fatto un grosso passo avanti migliorando tante cose, abbiamo visto che anche con molto vento la barca reagisce bene. L'equipaggio si sta ben rodando e speriamo che il prossimo weekend i nostri avversari ci siano, così da rendere ancora più viva e accesa la competizione.»
 
Un'analisi più tecnica della regata è fatta dallo skipper Enrico Zennaro, visibilmente soddisfatto di quanto realizzato fin qui.
«Siamo molto contenti, per tanti motivi: il primo è quello che aver avuto una vela in più rispetto all'anno scorso si è dimostrato già oggi fondamentale, perché dopo l'ottima partenza che ha fatto Mitja Kosmina abbiamo subito potuto aprire la vela che ci è mancata l'anno scorso e già li abbiamo preso distacco rispetto alla flotta.
«Quando poi le condizioni sono cambiate abbiamo aperto il G2 (gennaker frullabile) ed è stata una cavalcata emozionante fino alla fine.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni