Home | Sport | Volley | Preparazione conclusa con la finale quadrangolare di Biella

Preparazione conclusa con la finale quadrangolare di Biella

L’Itas Trentino cede 1-3 al campione d’Italia Lube di fronte a 4.268 spettatori

image

>
L’Itas Trentino chiude il proprio pre-campionato con i quattro set giocati nella Finale del quadrangolare «Volley sotto il Mucrone» di Biella di fronte a 4.268 spettatori entusiasti dello spettacolo proposto. L’ultimo test prima del debutto in SuperLega Credem Banca 2022/23, in programma fra una settimana alla BLM Group Arena contro Siena, ha visto i gialloblù contendere per buona parte dell’incontro alla Cucine Lube Civitanova Campione d’Italia la vittoria del torneo a quattro andato in scena nel weekend in Piemonte, ma alla fine sono stati gli avversari a vincere per 1-3 il match.
 
Risultato corretto per  quanto messo in mostra dai marchigiani (più incisivi a rete ed efficaci in battuta) nell’arco dell’intera partita, ma che non cancella comunque le tante cose positive messe in mostra dai gialloblù nel corso del fine settimana; nella partita odierna, al di là della sconfitta, è piaciuta la voglia di lottare e risalire la china messa in mostra nei primi tre set, conclusi allo sprint in favore della Cucine Lube nonostante le prove di sostanza di Michieletto (best scorer dei suoi con 20 punti, il 55% a rete, due muri e un ace), Lisinac (11 col 73% in primo tempo e tre muri) e di Džavoronok, autore di un buon ingresso in battuta nel secondo set e dei successivi parziali di buon livello (60%).
 

 
 La cronaca della partita  
Lorenzetti conferma lo schieramento visto in campo il giorno prima: Sbertoli al palleggio, Lavia opposto, Michieletto e Kaziyski in banda, Podrascanin e Lisinac al centro, Pace libero; Blengini, tecnico di Civitanova Marche, risponde con De Cecco in regia, Gabi Garcia opposto, Zaytsev e Bottolo in posto 4, Chinenyeze e Anzani centrali, Balaso libero.
I gialloblù partono in maniera convincente (5-3 e 11-8) soprattutto grazie alla verve di Michieletto; la Cucine Lube non demorde e con Zaytsev e Balaso (strepitoso in difesa) si riavvicina in fretta prima di prendere saldamente in mano le redini del gioco (15-20), anche perché pure Bottolo entra in partita e fa viaggiare il tabellone dei biancorossi, che al cambio di campo arrivano davanti sul 20-25.
 
La musica non cambia nel secondo parziale, in cui Civitanova continua a dettare legge fra battuta, muro e difesa, spingendosi subito sul +4 (2-6) e rintuzzando il tentativo avversario di rientrare in partita (da 4-6 a 6-11).
L’Itas Trentino prova a profondere il massimo sforzo (14-16) ma la Cucine Lube concede pochissimo e col servizio, stavolta di Bottolo, continua a far male alla seconda linea, costringendo all’errore diretto Kaziyski due volte consecutive (14-19).
Nel momento più difficile, Sbertoli e compagni si sbloccano e con un parziale pesantissimo di 9-4, firmato principalmente dallo stesso capitano e da Džavoronok al servizio, trovano l’incredibile parità a quota 23.
Alla prima occasione, però, è la squadra di Blengini ad avere la meglio; Gabi Garcia trasforma una ricostruita che vale il 23-25 e lo 0-2.
 
Nel terzo set Lorenzetti lascia in campo il martello ceco (per Kaziyski) e avvicenda D’Heer a Podrascanin per dare un po’ di riposo ai due titolari, ma anche per provare a cambiare qualcosa dal punto di vista tecnico-tattico.
La mossa sortisce gli effetti desiderati, perché è Trento a partire avanti (5-4), trovando poi anche il doppio vantaggio (10-8) con Lavia.
La Cucine Lube affila il servizio e pareggia a quota 14 con un ace di Chinenyeze, ma Michieletto apporta un nuovo strappo (18-16 e 20-18). Bottolo mura Lavia (21-21), ma infine ci pensa Džavoronok, sempre con la battuta, a firmare il nuovo +2 (23-21) che vale l’1-2, visto che Lisinac blinda il punteggio col primo tempo vincente del 25-23.
 
Nel quarto set la Cucine Lube lascia a riposo Gabi Garcia, spostando Zaytsev nel ruolo di opposto ed inserendo Gottardo; una scelta di Blengini che paga, perché i biancorossi dopo pochi minuti allungano (8-10 e 10-13).
Nella parte centrale Bottolo e De Cecco fanno la differenza (14-19), Lorenzetti inserisce allora anche Nelli e Cavuto, ma la rimonta non riesce (16-21, 17-23). Vince Civitanova 3-1, trascinata da Zaytsev.
Ora testa alla SuperLega.
 

 
 Il commento a caldo  
«Quello appena concluso a Biella è stato un torneo molto utile per toccare con mano le nostre potenzialità ma anche tutti gli attuali limiti, su cui dobbiamo lavorare in palestra, – ha commentato a fine partita Angelo Lorenzetti. – Tempo a disposizione per farlo prima del debutto in campionato ce ne è poco e quindi nei prossimi giorni dovremo inevitabilmente scegliere le priorità per cercare di migliorare gli aspetti più importanti.»
 
 La prossima  
Per i gialloblù un lunedì di riposo prima di iniziare, martedì mattina alla BLM Group Arena, la settimana di allenamenti che porterà al debutto in SuperLega Credem Banca 2022/23 programmato per domenica 2 ottobre in casa contro Siena (ore 18).
 

 
 Il tabellino  
Cucine Lube Civitanova – Itas Trentino 3-1
(25-20, 25-23, 23-25, 25-17)

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Zaytsev 24, Gabi Garcia 12, Anzani 2, Bottolo 18, De Cecco, Chinenyeze 9, Balaso (L); D’Amico, Diamantini 1, Sottile, Gottardo 2. N.e. Yant. All. Gianlorenzo Blengini.
ITAS TRENTINO: Sbertoli 3, Michieletto 20, Podrascanin 3, Lavia 7, Kaziyski 11, Lisinac 11, Pace (L); Nelli, Džavoronok 7, D’Heer 2, Cavuto 1. N.e. Berger e Depalma All. Angelo Lorenzetti.
 
ARBITRI: Simbari di Milano e Rossi di Sanremo
DURATA SET: 25’, 31’, 28’, 23’; tot 1h e 47’.
NOTE: 4.268 spettatori. Cucine Lube Civitanova: 4 muri, 8 ace, 10 errori in battuta, 10 errori in attacco, 46% in attacco, 50% (25%) in ricezione. Itas Trentino: 8 muri, 4 ace, 18 errori in battuta, 10 errori azione, 42% in attacco, 54% (26%) in ricezione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande